Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Federcaccia Nucleo di Magenta "Eligio Colombo"

|

Chi siamo

Scritto da Super User

Il nucleo federcaccia di Magenta é costituito dall'insieme delle sezioni comunali del territorio, l'obbiettivo del nucleo é quello di fare da punto di congiunzione tra le varie sezioni e gli enti come Federcaccia Provinciale, Città Metropolitana di Milano e Regione Lombardia oltre all'A.T.C. Pianura Milanese.Oltre all'importante compito di Capo settore delle Guardie Venatorie Volontarie della F.I.D.C. di Milano.

Le sezioni comunali che fanno parte sono:

Arconate

Arluno

Bernate Ticino

Boffalora Sopra Ticino

Buscate

Casorezzo

Castano Primo

Cornaredo

Corbetta

Cuggiono

Dairago

Inveruno

Magenta (non più rappresentata dal nucleo)

Marcallo con Casone

Mesero

Nosate

Ossona

Robecco con Induno

San Pietro all'Olmo

Santo Stefano ticino

Sedriano

Settimo Milanese

Turbigo

Vittuone

 

|

Direttivo

Scritto da Super User

fidc oro 300x300

L'attuale direttivo della F.I.D.C. del

nucleo di Magenta é costituito da:

  • CAPO NUCLEO:

Garavaglia Dario

  • VICE CAPO NUCLEO:

Soresina Luigi

  • SEGRETARIO:

Pardo Paolo

aquila gvv finita Guardie Giurate Venatorie Volontarie Federcaccia Nucleo di Magenta

"Eligio Colombo"

 

  • Capo Settore delle Guardie Giurate Venatorio Volontario.

Pardo Paolo

  • Vice capo settore G.G.V.V.

Garavaglia Dario

|

Dove tesserarsi

Scritto da Super User
Per chi fosse interessato a valutare le proposte assicurative della federcaccia o vuole tesserarsi presso  il nostro nucleo ed entrarne a far parte può recarsi presso una delle sezioni comunali facendi parte del nucleo.
Oppure puo' venirci a trovare nella sede FIDC di Magenta situata Via Cadorna n°12 (Centro Sacra Famiglia), primo e terzo martedì di ogni mese dalle 21:00 alle 23:00, e comunque sempre possibile contattarci al seguente indirizzo Maill: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
 
Con l'augurio che entriate a far parte del nostro gruppo per una caccia più giusta nel rispetto della natura che ci regala tante emozioni, vi auguriamo buona navigazione.
  
                                                           
Federazione Italiana Della Caccia, Nucleo di Magenta "Eligio Colombo"
|

Polizza assicurativa per l'esercizio venatorio

Scritto da Super User

Polizza assicurativa. Il suo scopo è quello di garantire la responsabilità civile verso terzi per eventuali danni provocati dal maneggio delle armi durante l’esercizio della caccia.  La legge definisce massimali di 1.000.000.0000 di lire suddivisi in 750.000.000 di lire per danni alla persone e 250.000.000 di lire per danni ad animali e cose. 

È inoltre prevista una polizza antinfortunistica per il cacciatore con massimale di 100.000.000 di lire. Le associazioni venatorie si occupano di tale aspetto proponendo pacchetti assicurativi specifici ed ampliati rispetto a quelli minimi previsti per legge. Oltre alle associazioni venatorie – i sindacati dei cacciatori – la maggior parte delle compagnie assicurative offrono polizze assicurative per l’esercizio della caccia.

Vedi le polizze assicurative Federcaccia per scegliere quella adatta per le tue esigenze.

|

Servizi Assicurativi

Scritto da Federcaccia nucleo di Magenta

GARANZIE ASSICURATIVE RIFERITE ALLE TESSERE RILASCIATE DAL 01/02/2014


CALL CENTER SINISTRI 2010-2011-2012-2013-2014

la Marsh Risk Consulting ha attivato un servizio gestione sinistri che attraverso
un CALL CENTER fornirà, informazioni, assistenza a tutti gli assicurati sulle pratiche dei sinistri

RIFERIMENTI
MARSH spa Sinistri Federcaccia
Casella postale 10227
CPD MILANO ISOLA
20110 MILANO
Il numero dell Call center è 02 48538894
Il responsabile del servizio è: Matteo Marmiroli : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 fede2017 2

    Fonte federcaccia

 

 

 

Allegati:
Scarica questo file (GARANZIE PERSONE.pdf)GARANZIE PERSONE[NORME GENERALI]08-10-2018
Scarica questo file (Modello denucia ferimento-morte del cane.pdf)Modello denucia ferimento-morte del cane[Denucia ferimento-morte del cane]27-08-2018
Scarica questo file (Modello denucia incidente di caccia (RC-danni a terzi).pdf)Denuncia per danni a terzi responsabilità civile[INCIDENTE DI CACCIA UNIPOL]27-08-2018
Scarica questo file (Modello denucia infortunio.pdf)Denuncia infortunio[INFORTUNIO UNIPOL]27-08-2018
Scarica questo file (polizza Unipol 2017 cane-rapaci.pdf)polizza Unipol 2017 cane-rapaci[Contratto]08-10-2018
Scarica questo file (polizza Unipol 2017 inf-rct.pdf)polizza Unipol 2017 inf-rct[Contratto]08-10-2018
Scarica questo file (Privacy terzi.pdf)Privacy[Modulo da allegare sempre alle denunce]27-08-2018
|

Licenza di porto di fucile per uso di caccia

porto armiE' una licenza che autorizza al porto di fucile per uso di caccia nei periodi di apertura della stagione venatoria valido 5 anni dalla data di rilascio.

La Legge Nazionale 11 Febbraio 1992 N.157 "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e prelievo venatorio” definisce le modalità dell'esercizio dell'attività venatoria.

Art. 12 - Esercizio dell'attività venatoria.
L'attività venatoria si svolge per una concessione che lo Stato rilascia ai cittadini che la richiedono e che posseggano i requisiti previsti dalla presente legge.
Costituisce esercizio venatorio ogni atto diretto all'abbattimento o alla cattura di fauna selvatica mediante l'impiego dei mezzi di cui all'articolo 13. E' considerato altresì esercizio venatorio il vagare o il soffermarsi con i mezzi destinati a tale scopo o in attitudine di ricerca della fauna selvatica o di attesa della medesima per abbatterla.
Ogni altro modo di abbattimento é vietato, salvo che non avvenga per caso fortuito o per forza maggiore.
Fatto salvo l'esercizio venatorio con l'arco o con il falco, l'esercizio venatorio stesso può essere praticato in via esclusiva in una delle seguenti forme:

  • vagante in zona Alpi
  • da appostamento fisso
  • nell'insieme delle altre forme di attività venatoria consentite dalla presente legge e praticate nel rimanente territorio destinato ad attività venatoria programmata.

La fauna selvatica abbattuta durante l'esercizio venatorio nel rispetto delle disposizioni della presente legge appartiene a colui che l'ha cacciata.

Per l'esercizio venatorio bisogna essere in possesso:

Del libreto di porto di fucili in corso di validità,

Dalla licenza di caccia,

Del tesserino venatorio regionale,

E dell'assicurazione per responsabilità civile.

  


DOCUMENTI OCCORRENTI PER IL RILASCIO DELLA LICENZA DI PORTO DI FUCILE AD USO CACCIA  


1. Domanda in carta bollata da € 16.00 diretta al Questore, con firma autenticata o sottoscritta dall’interessato in presenza dell’addetto al ritiro. Se la domanda viene inviata tramite terzi la firma va accompagnata dalla fotocopia della carta di identità.

2. Stato di famiglia con l’annotazione di cui al 1° comma dell’art. 12 del T.U.L.P.S.  E’ consentita anche l’autocertificazione, previa indicazione di tutto il nucleo famigliare.

3. N. 2 fotografie a capo scoperto di cui una legalizzata. La fotografia può essere legalizzata dall’ufficio ricevente, a richiesta dell’interessato, se presentata personalmente (L. 127/97, art. 2). In questo caso non è applicata l’imposta di bollo.

4. Congedo militare oppure certificato di abilitazione al maneggio delle armi lunghe e corte rilasciato da una sezione del tiro a segno nazionale.

5. Patentino di abilitazione all’esercizio venatorio rilasciato dalla Provincia di Milano — Direzione Centrale Ambiente — Servizio Caccia e Pesca.

6. Certificato di idoneità psicofisica rilasciato dall’A.S.L. di residenza dell’interessato oppure da un ufficiale medico militare o medico della Polizia di Stato, in bollo.

7. Attestazione di versamento della tassa sulle concessioni governative sul c/c postale n. 8003 intestato all’Ufficio tasse concessioni governative — Roma di € 173,16

8. Attestazione di versamento di € 1,27 sul cc postale n. 3251, intestato alla Tesoreria provinciale dello Stato — Sezione di Milano — per l’imputazione al capo IX, capitolo 3484.

9.* Ricevuta del bonifico bancario di Euro 64,56 riportande i seguenti dati:

Intestazione: Regione Lombardia

Cod. IBAN: IT21 C 030 6909 79010000 0300046


Si ricorda, inoltre che è obbligatorio indicare nella causale dei versamenti:
- codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento
- codice direzione generale di riferimento: M1;
- oggetto: tassa caccia.

10. Marca da bollo da € 16.00. 

N.B. Da presentare al Comando di Pubblica Sicurezza o alla Stazione Carabinieri della propria zona di residenza  

*Il pagamento della tassa regionale si potrà effettuare non solo con bonifico bancario ma è stata ripristinata la  possibilità del versamento in conto corrente postale come negli scorsi anni.

versamento sul c/c postale: 
n. 25789207, per la caccia

 

DOCUMENTI OCCORRENTI PER IL RINNOVO DELLA LICENZA DI PORTO DI FUCILE AD USO CACCIA

 

1. Domanda in carta bollata da € 16.00 diretta al Questore, sottoscritta dall’interessato in presenza dell’addetto al ritiro. Se la domanda viene inviata tramite terzi la firma va accompagnata dalla fotocopia della carta di identità.

2. Stato di famiglia con l’annotazione di cui al 1° comma dell’art. 12 del T.U.L.P.S. E’ consentita anche l’autocertificazione, previa indicazione di tutto il nucleo famigliare.

3. N. 2 fotografie a capo scoperto di cui una legalizzata. La fotografia può essere legalizzata dall’ufficio ricevente, a richiesta dell’interessato, se presentata personalmente (L. 127/97, art. 2).

4. La licenza scaduta.

5. Certificato di idoneità psicofisica rilasciato dall’A.S.L. di residenza dell’interessato oppure da un ufficiale medico militare o medico della Polizia di Stato, in bollo.

6. Attestazione di versamento della tassa sulle concessioni governative sul c/c postale n. 8003 intestato all’Ufficio tasse concessioni governative — Roma di € 173,16.

7. Attestazione di versamento di € 1,27 sul cc postale n. 3251, intestato alla Tesoreria provinciale dello Stato — Sezione di Milano — per l’imputazione al capo IX, capitolo 3484.

8.* Ricevuta di bonifico bancario di Euro 64,56 riportande i seguenti dati:

Intestazione: Regione Lombardia

Cod. IBAN: IT21 C 030 6909 79010000 0300046


Si ricorda, inoltre che è obbligatorio indicare nella causale dei versamenti:
- codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento
- codice direzione generale di riferimento: M1;
- oggetto: tassa caccia.

9. Marca da bollo da € 16.00.

 

N.B. Da presentare al Comando di Pubblica Sicurezza o alla Stazione Carabinieri della propria zona di residenza

*Il pagamento della tassa regionale si potrà effettuare non solo con bonifico bancario ma è stata ripristinata la possibilità del versamento in conto corrente postale come negli scorsi anni.

versamento sul c/c postale: 
n. 25789207, per la caccia 

Allegati:
Scarica questo file (Acquisto_Porto_Trasporto_Armi_Sportive_Collezione.pdf)RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER ACQUISTO, PORTO,[Modulo ufficiale]18-06-2015
Scarica questo file (armi_comuni-denuncia_detenzione_corretto.pdf)Denuncia e detenzione armi[modulo ufficiale della questura]28-11-2016
Scarica questo file (autocertificazione+statodifamiglia_def.pdf)Autocertificazione stato famiglia[Modulo compilabile]22-02-2017
Scarica questo file (Cessione arma tra privati.doc)Cessione arma tra privati[Modello da compilare formato doc]28-11-2016
Scarica questo file (cessione_armi_tra_privati.pdf)Cessione arma tra privati[Modello da compilare formato in pdf]28-11-2016
Scarica questo file (Comodato-Duso-di-Armi.pdf)Comodato d'uso di armi da caccia e sportive[Modulo in pdf da compilare]25-08-2017
Scarica questo file (DOCUMENTI OCCORRENTI PER IL RILASCIO DELLA LICENZA DI PORTO DI FUCILE AD USO CACCIA.pdf)Documenti per rilascio Porto d'armi uso caccia[Elenco documenti]25-08-2017
Scarica questo file (DOCUMENTI OCCORRENTI PER IL RINNOVO DELLA LICENZA DI PORTO DI FUCILE AD USO CACCIA.pdf)Documenti per rinnovo Porto d'armi uso caccia[Elenco documenti]25-08-2017
|

Licenza di porto di arma lunga per il tiro a volo

porto armiQuesto tipo di licenza, rilasciata dal Questore, è comunemente detta per uso sportivo e permette di esercitare il tiro a volo e il tiro a segno. In particolare, per il tiro a segno è necessario iscriversi presso una Sezione di Tiro a Segno Nazionale o presso un'associazione di tiro iscritta ad una federazione sportiva affiliata al CONI.

La licenza di porto di fucile con canna ad anima liscia per il tiro a volo autorizza il titolare al porto delle sole armi idonee all'esercizio della specifica attività di tiro. La licenza ha una validità di 5 anni.

 

Fonte sito web della questura: http://www.poliziadistato.it/articolo/view/314/

 

 

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DELLA LICENZA DI TIRO A VOLO  


1. Domanda in carta bollata da € 16.00 diretta al Questore, con firma autenticata o sottoscritta dall’interessato in presenza dell’addetto al ritiro. Se la domanda viene inviata tramite terzi la firma va accompagnata dalla fotocopia della carta di identità.

2. Stato di famiglia con l’annotazione di cui al 1° comma dell’art. 12 del T.U.L.P.S.  E’ consentita anche l’autocertificazione, previa indicazione di tutto il nucleo famigliare.

3. N. 2 fotografie a capo scoperto di cui una legalizzata. La fotografia può essere legalizzata dall’ufficio ricevente, a richiesta dell’interessato, se presentata personalmente (L. 127/97, art. 2). In questo caso non è applicata l’imposta di bollo

4. Congedo militare oppure certificato di abilitazione al maneggio delle armi lunghe e corte rilasciato da una sezione del tiro a segno nazionale.

5. Certificato di idoneità psicofisica rilasciato dall’A.S.L. di residenza dell’interessato oppure da un ufficiale medico militare o medico della Polizia di Stato, in bollo.

6. Attestazione di versamento di € 1,27 sul cc postale n. 3251, intestato alla Tesoreria provinciale dello Stato — Sezione di Milano — per l’imputazione al capo IX, capitolo 3484.

7. Marca da bollo da € 16.00. 

N.B. Da presentare al Comando di Pubblica Sicurezza o alla Stazione Carabinieri della propria zona di residenza

 

 

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RINNOVO DELLA LICENZA DI TIRO A VOLO

 

1. Domanda in carta bollata da € 16.00 diretta al Questore, con firma autenticata o sottoscritta dall’interessato in presenza dell’addetto al ritiro. Se la domanda viene inviata tramite terzi la firma va accompagnata dalla fotocopia della carta di identità.

2. Stato di famiglia con l’annotazione di cui al 1° comma dell’art. 12 del T.U.L.P.S.  E’ consentita anche l’autocertificazione, previa indicazione di tutto il nucleo famigliare.

3. N. 2 fotografie a capo scoperto di cui una legalizzata. La fotografia può essere legalizzata dall’ufficio ricevente, a richiesta dell’interessato, se presentata personalmente (L. 127/97, art. 2). In questo caso non è applicata l’imposta di bollo.

4. Certificato di idoneità psicofisica rilasciato dall’A.S.L. di residenza dell’interessato oppure da un ufficiale medico militare o medico della Polizia di Stato, in bollo. 

5. Libretto di porto d'armi in scadenza.. 

6. Attestazione di versamento di € 1,27 sul cc postale n. 3251, intestato alla Tesoreria provinciale dello Stato — Sezione di Milano — per l’imputazione al capo IX, capitolo 3484.

7. Marca da bollo da € 16.00. 

N.B. Da presentare al Comando di Pubblica Sicurezza o alla Stazione Carabinieri della propria zona di residenza

 

 

 

|

STATUTO DELLA FEDERCACCIA DELLA REGIONE LOMBARDIA

STATUTO DELLA FEDERCACCIA DELLA REGIONE LOMBARDIA

Art. 1

Denominazione, personalità giuridica, sede

La Federcaccia della Regione Lombardia, di seguito abbreviata in Federcaccia Lombarda, è un'associazione apartitica, senza scopo di lucro, costituita dalle sezioni comunali e provinciali di Federcaccia e dai loro associati. Essa ha personalità giuridica di diritto privato ai sensi dell’art.1 del D.P.R. 23 dicembre 1978 ed ha sede propria o presso una delle Sezioni Provinciali della Federcaccia Lombarda, in conformità ai deliberati del proprio Consiglio Regionale.

E’ associazione costituente la Federazione Italiana della Caccia in una con le altre Federazioni regionali.

Art. 2

Fini istituzionali

2.1 La Federcaccia Lombarda elabora programmi per la gestione del territorio e della fauna selvatica e per lo svolgimento dell'attività venatoria e di quella sportiva ad essa connessa.

2.2 La Federcaccia Lombarda provvede, in particolare, all'organizzazione dei federcacciatori e alla salvaguardia dei loro interessi.

2.3 La Federcaccia Lombarda, in relazione a tali fini, provvede, tra l'altro, al coordinamento delle iniziative delle Sezioni provinciali e delle proposte per i calendari venatori al fine di armonizzare l'esercizio della caccia nelle province della regione e con le regioni limitrofe.

2.4 La Federcaccia Lombarda sviluppa, altresì, iniziative di carattere ecologico e di protezione civile quali l'azione antincendio, la prevenzione e repressione del bracconaggio, la vigilanza sulle acque interne, sia attraverso la struttura associativa propria, che attraverso la collaborazione con le associazioni di settore, in particolare con quelle agricole ed ambientaliste.

2.5 La Federcaccia Lombarda concorre, per quanto di sua facoltà e competenza, al perseguimento dei fini previsti dall’articolo 2 dello Statuto della Federazione Italiana della Caccia e per tale ragione i suoi soci sono tenuti ad osservare, oltre alle norme del presente statuto, anche quelle contenute nello statuto della Federazione nazionale, nonché i relativi regolamenti e le disposizioni contenute nelle delibere adottate dai competenti Organi federali.

Art. 3

Organizzazione

3.1 Sono organi della Federcaccia Lombarda:

- l'Assemblea Regionale;

- il Presidente;

- il Consiglio Regionale. 2

3.2 Sono organi di controllo:

- il Collegio dei Probiviri;

- il Collegio dei Revisori dei Conti.

3.3 Sono organi territoriali:

- le Sezioni provinciali;

- le Sezioni comunali.

Art. 4

Assemblea Regionale

4.1 E' costituita dai Presidenti provinciali e dai membri designati dal Consiglio delle rispettive Sezioni provinciali nel numero stabilito dal Regolamento di attuazione in proporzione del numero degli iscritti di ogni Sezione .

I membri dell’Assemblea durano in carica cinque anni, mentre i Presidenti provinciali

sono nominati in ragione dell’incarico.

4.2 L’Assemblea regionale ha il compito di provvedere :

a) all'elezione del Presidente;

b) all'elezione dei Vice Presidenti;

c) all'elezione del Collegio dei probiviri;

e) all'elezione del Collegio dei Revisori dei Conti;

f) all’elezione del segretario ;

g) alla nomina dei propri rappresentanti in seno alle associazioni settoriali e in altri organismi, ove previsti o richiesti;

h) all'approvazione della relazione programmatica concernente gli indirizzi di politica faunistico-venatoria e ambientale presentata nella riunione convocata per l’approvazione dei bilanci;

i) all’approvazione dei bilanci preventivo e consuntivo;

l) all’ approvazione dello statuto, del regolamento di attuazione e delle loro modifiche.

4.3 L’ Assemblea è validamente costituita alla presenza della metà più uno dei suoi componenti; per l’approvazione delle deliberazioni dell’Assemblea è necessaria la maggioranza dei voti espressi.

Il voto non è delegabile e, in caso di parità, è determinante il voto del Presidente.

4.4 Le elezioni si effettuano a scrutinio segreto, con voto singolo e senza possibilità di delega..

4.5 L’Assemblea è convocata dal Presidente almeno due volte all’anno ed ogni qualvolta lo ritenga

opportuno, ovvero quando ne faccia richiesta scritta e motivata la metà più uno dei suoi

componenti. 3

4.6 Di ogni riunione il Segretario o suo delegato, redige verbale che viene sottoscritto anche dal

Presidente e sottoposto all’approvazione nella prima riunione utile.

4.7 I componenti l’Assemblea che, salvo giustificato motivo scritto, non partecipano per tre volte

consecutive alle riunioni dell’Assemblea stessa decadono dalla carica.

4.8 Alla sostituzione dei componenti l’Assemblea che durante il mandato cessano dalla carica per qualsiasi motivo, si provvede con cooptazioni che dovranno espletarsi in occasione della prima riunione utile dell’Assemblea regionale, su designazione della Sezione Provinciale di appartenenza.

4.9 Se viene meno la maggioranza dei componenti, per decadenza, dimissioni o esclusione degli stessi, l’Assemblea decade automaticamente. Per l’ordinaria amministrazione rimane in carica il Presidente, il quale deve darne comunicazione entro otto giorni alle Sezioni provinciali. Le stesse entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione designano i nuovi rappresentanti in seno all’Assemblea. Entro quindici giorni dal ricevimento delle designazioni da parte delle Sezioni provinciali, il Presidente convoca l’Assemblea regionale.

4.10 Per tutti gli atti di gestione amministrativa e contabile dell’Assemblea regionale, sono responsabili, anche solidalmente, coloro che li hanno posti in essere.

Art. 5

Presidente della Federcaccia Lombarda

5.1 Il Presidente deve essere socio della Federcaccia Lombarda

, avere residenza anagrafica in Lombardia. Dura in carica per cinque anni ed è rieleggibile .

5.2 Ha la rappresentanza legale della Federcaccia Lombarda e ne firma gli atti.

5.3 Convoca e presiede l’Assemblea regionale e il Consiglio di Presidenza.

5.4 Nomina il Vice Presidente vicario.

5.5 Da’ attuazione ai deliberati degli Organi Collegiali ed è responsabile, nei confronti dell'Assemblea Regionale, del perseguimento dei fini statutari.

5.6 Può adottare deliberazioni in via di urgenza, in particolare quando sia necessario provvedere ad atti dovuti, ovvero ad adempimenti indifferibili, da sottoporre, per la ratifica, agli organi collegiali competenti nella prima riunione utile. 4

5.7 Nell'ipotesi di dimissioni del Presidente, il Vice Presidente vicario svolge le funzioni di ordinaria amministrazione e convoca l’Assemblea per le elezioni del nuovo Presidente entro 30 giorni.

5.8 L'incarico di Presidente Regionale è incompatibile con l’incarico di Presidente di Sezione provinciale.

Art. 6

Vice Presidenti della Federcaccia Lombarda

6.1 I Vice Presidenti sono eletti nel numero di due.

6.2 Esercitano i poteri delegati dal Presidente.

6.3 Il Vice Presidente vicario sostituisce il Presidente in caso di impedimento temporaneo o di assenza.

L'esercizio del potere di firma costituisce prova, nei confronti dei terzi, dell'assenza o dell' impedimento del Presidente.

Art. 7

Consiglio Regionale

7.1 Il Consiglio Regionale è composto dal Presidente, dai due Vicepresidenti, dai Presidenti delle Sezioni provinciali e dal Segretario del Consiglio Regionale, il quale espleta anche le funzioni di tesoriere. Nel caso di impedimento i presidenti possono farsi rappresentare da un loro delegato all’uopo indicato per iscritto.

7.2 Il Consiglio Regionale delibera su tutte le materie non rimesse dal presente statuto alla competenza esclusiva di altri organi. Può adottare deliberazioni in via d'urgenza, che dovranno essere sottoposte a ratifica dell’Assemblea regionale nella prima riunione utile.

Art. 8

Collegio dei Probiviri regionale

8.1 Il Collegio dei probiviri è eletto dall’Assemblea regionale nella seduta in cui vengono eletti gli altri organi regionali e la votazione avviene su una lista proposta dalle Sezioni provinciali. E’ composto da tre membri effettivi e due supplenti, dura in carica per cinque anni ed elegge nel proprio ambito, mediante votazione segreta, il Presidente.

8.2 Il Collegio ha sede ove l’Assemblea regionale ha posto la sede della Federcaccia Lombarda.

Decide sulle controversie insorte fra gli organi della Federcaccia Lombarda, fra questi e le sezioni provinciali e/o fra queste ultime e le sezioni comunali, e sui provvedimenti disciplinari nei confronti dei dirigenti federali adottati dai Collegi dei probiviri provinciali. 5

8.3 Il Collegio decide altresì inappellabilmente sui ricorsi avverso le decisioni dei Collegi dei Probiviri delle sezioni provinciali di cui è stato investito.

8.4 Il Collegio pubblica le proprie decisioni entro sessanta giorni dal ricevimento delle pratiche, sentiti gli interessati.

Il Segretario regionale cura l'esecuzione di tali decisioni.

Art. 9

Collegio dei Revisori dei Conti regionali

9.1 Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri effettivi, di cui uno almeno deve essere iscritto al Registro dei Revisori Contabili, e due supplenti.

Il Collegio è eletto dall’Assemblea regionale nella seduta in cui vengono eletti gli altri organi regionali e la votazione avviene su una lista proposta dalle Sezioni provinciali.

Il Collegio, nella prima riunione utile, elegge nel proprio ambito

, con voto segreto, il

9.2 Il Collegio resta in carica per cinque anni e non decade qualora, per qualsiasi motivo, sia venuta a decadere l’Assemblea regionale .

9.3 Il Collegio controlla la regolare tenuta della contabilità, nel rispetto dello Statuto e delle vigenti leggi, norme e regolamenti.

9.4 Di ciascuna verifica viene redatta relazione su apposito registro, vidimato dal Presidente Regionale.

Art. 10

Patrimonio e bilancio

10.1 Il patrimonio della Federcaccia Lombarda è costituito dai beni mobili ed immobili acquisiti, risultanti dai bilanci e dagli inventari.

10.2 I beni costituenti tale patrimonio, previa delibera dell’Assemblea Regionale, possono essere ceduti, anche in uso gratuito o comodato, alle Sezioni provinciali e comunali.

10.3 Le entrate finanziarie della Federcaccia Lombarda sono costituite dal fondo di funzionalità di competenza erogato dalla Federcaccia nazionale

, da contributi e da donazioni e lasciti.

10.4 La gestione finanziaria ed il bilancio della Federcaccia Lombarda sono disciplinati dai regolamento di amministrazione e contabilità, deliberato dall’Assemblea Regionale. 6

Art. 11

Sezioni provinciali

11.1 Le Sezioni provinciali hanno sede di norma nel capoluogo di ogni provincia.

11.2 Qualora ragioni di funzionalità inducano alla richiesta di unione di Sezioni provinciali, l’ Assemblea Regionale, sentite le stesse, può deliberare la fusione in una unica sezione Interprovinciale con le medesime caratteristiche e compiti di Sezione provinciale; ai fini della rappresentatività, nell’Assemblea Regionale sono rappresentati i Presidenti delle ex Sezioni provinciali ed un numero di consiglieri derivanti dall'insieme dei soci.

11.3 Le Sezioni provinciali svolgono, nel territorio di loro giurisdizione, i compiti connessi ai fini istituzionali della Federazione Italiana della Caccia e della Federcaccia Lombarda.

11.4 Le Sezioni provinciali provvedono altresì:

a) all'educazione venatoria e alla preparazione tecnico-culturale degli iscritti e degli aspiranti cacciatori della provincia, avendo soprattutto cura di formare dirigenti qualificati per la gestione sociale del territorio, per fini faunistico-venatori e ad organizzare corsi per la formazione di guardie volontarie;

b) ad iniziative a carattere culturale, ricreativo e propagandistico;

c) all'organizzazione di gruppi di difesa ambientale e di protezione civile, in particolare con funzioni di antincendio, di vigilanza sulle acque interne e di antibracconaggio;

d) alla promozione, coordinamento e controllo dell'attività delle sezioni e sottosezioni comunali;

e) alla organizzazione di mostre, concorsi e altre iniziative a carattere ecologico, agonistico-sportivo, venatorio e cinofilo.

Art. 12

Organi delle Sezioni provinciali

12.1 Sono organi delle Sezioni provinciali:

- l'Assemblea;

- il Presidente;

- il Consiglio direttivo;

- la Giunta esecutiva;

- il Collegio dei Revisori dei Conti;

- il Collegio dei Probiviri.

12.2 Sono organi periferici delle Sezioni provinciali le sezioni e sottosezioni comunali. 7

Art. 13

Assemblea Provinciale

13.1 L'Assemblea provinciale è costituita dai presidenti delle sezioni comunali i quali votano per rappresentanza, disponendo di un numero di voti pari al numero dei soci da ciascuno di essi rappresentato. In caso d'impedimento, i presidenti delle Sezioni comunali possono farsi rappresentare da altro componente del Consiglio direttivo comunale, delegato per iscritto.

13.2 Possono intervenire altresì all'Assemblea, senza diritto di voto, i Consiglieri provinciali e

i componenti dell’Assemblea regionale , i Revisori dei Conti provinciali, i Commissari straordinari ed i Presidenti delle Associazioni settoriali provinciali.

13.3 L'Assemblea è convocata dal Presidente provinciale, previa delibera del Consiglio direttivo, in via ordinaria una volta all'anno, entro il 31 marzo per l'approvazione dei bilanci consuntivo e preventivo.

13.4 L'Assemblea può essere convocata in via straordinaria, ogni qualvolta il Consiglio direttivo lo ritenga opportuno o quando venga richiesto, con motivata istanza, firmata individualmente, da presidenti di sezione comunale che rappresentino almeno un terzo degli iscritti nella provincia.

13.5 L'Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, deve essere fissata in prima e seconda convocazione.

In prima convocazione essa è validamente costituita con la presenza dei presidenti rappresentanti almeno la metà più uno degli iscritti nella provincia. In seconda convocazione, da fissarsi nello stesso giorno e luogo della prima ad un'ora di distanza, l'Assemblea è costituita validamente quando sia rappresentato almeno un terzo degli iscritti della provincia. L’Assemblea che procede all’elezione degli organi federali è validamente costituita, anche in seconda convocazione, se sono presenti i componenti che rappresentino la metà più uno degli associati.

13.6 Le deliberazioni dell'Assemblea

, tranne quelle elettive, sono valide quando riportino l'approvazione della maggioranza dei soci rappresentati .

13.7 L'Assemblea deve essere convocata almeno dieci giorni prima della data stabilita, con lettera personale.

13.8 Possono partecipare ai lavori dell'Assemblea provinciale, con il solo diritto di parola, i componenti dell’Assemblea regionale e il Presidente regionale. 8

Art. 14

Consiglio direttivo e Giunta esecutiva delle Sezioni provinciali

14.1 Le Sezioni provinciali sono rette da un Consiglio direttivo composto da almeno nove membri effettivi eletti ai sensi del successivo art. 18 e che durano in carica per cinque anni .

Il Consiglio direttivo elegge, nel proprio ambito con votazione segreta, il Presidente, uno o più Vicepresidenti ed il Segretario della sezione, il quale espleta anche compiti di tesoriere.

Il Consiglio elegge altresì i componenti dell’Assemblea regionale secondo il numero stabilito dal regolamento di attuazione.

Alle sedute del Consiglio possono assistere, senza diritto di voto, i componenti dell’Assemblea regionale e i Presidenti delle associazioni settoriali provinciali.

14.2 La Giunta esecutiva provinciale è composta dal Presidente, da uno o più Vicepresidenti, dal Segretario e da almeno due membri eletti dal

Consiglio direttivo nel suo ambito.

La Giunta assicura l'espletamento delle competenze delegate dal Consiglio.

14.3 Il Segretario della Sezione coadiuva il Presidente nell'esercizio delle sue funzioni, redige i verbali delle riunioni del Consiglio direttivo e della Giunta, che sottoscrive insieme al Presidente.

Art. 15

Presidenti delle Sezioni provinciali

15.1 Il Presidente ha la legale rappresentanza della Sezione. Convoca e presiede l'Assemblea, il Consiglio direttivo e la Giunta, e cura l'esecuzione delle delibere.

15.2 Il Presidente è responsabile del funzionamento della Sezione unitamente al Consiglio direttivo.

15.3 Le funzioni vicarie sono di competenza del Vicepresidente più anziano di carica; in caso di parità di carica, del più anziano di età.

In caso di assenza o impedimento dei Vicepresidenti, le funzioni sono esercitate dal Consigliere più anziano di età.

In caso di dimissioni o di impedimento permanente del Presidente, il Consiglio direttivo procede entro trenta giorni alla elezione . 9

Art. 16

Collegio dei Revisori dei conti delle Sezioni provinciali

16.1 In occasione dell'elezione del Consiglio direttivo provinciale, si provvede alla elezione del Collegio dei Revisori dei Conti composto da almeno tre membri effettivi e due supplenti, anche non soci.

Il Collegio controlla la regolare tenuta della contabilità.

Di ogni revisione viene redatta relazione su apposito registro, vidimato dal Presidente della Sezione provinciale.

16.2 I Revisori possono partecipare alle riunioni del Consiglio direttivo, senza diritto di voto.

16.3 Il Collegio resta in carica per cinque anni e non decade qualora, per qualsiasi

motivo, sia venuto a mancare il Consiglio direttivo provinciale.

Art. 17

Collegio dei Probiviri provinciale

17.1 In occasione dell'elezione del Consiglio direttivo provinciale si provvede alla elezione del Collegio dei Probiviri composto da tre membri effettivi e due supplenti, eletti tra persone di specchiata moralità, residenti in un Comune della provincia . Il Collegio elegge nel proprio seno, mediante votazione segreta, il Presidente. In caso di impedimento del Presidente, il Collegio è presieduto dal componente più anziano di età.

17.2 Il Collegio dei Probiviri delle Sezioni provinciali giudica entro trenta giorni dalla richiesta degli interessati di qualunque controversia relativa all’attività associativa o sportiva, nonché fra quelle insorte fra i soci e le sezioni comunali. Il Collegio esercita altresì funzioni di giudice disciplinare nei confronti di soci che si siano resi responsabili di mancanze e violazioni degli obblighi di correttezza, lealtà e probità sportiva e associativa, di violazioni delle norme federali e del presente statuto, nonché di violazioni alle leggi e regolamenti relativi alla caccia, nonché per comportamenti scorretti od ostativi all’espletamento dell’attività degli agenti volontari di vigilanza ecologico-venatoria della Federcaccia.

17.3 Il Collegio giudica senza formalità, ma previa contestazione degli addebiti e concessione di un termine di almeno quindici giorni per le giustificazioni, con facoltà per il socio nei cui confronti si procede di essere sentito personalmente e di farsi assistere da persona di sua fiducia.

Il Collegio, ove ritenga fondato l’addebito, può applicare le seguenti sanzioni :

a) censura;

b) deplorazione;

c) sospensione dall’attività della sezione per un periodo di tempo non superiore a 1 anno, quando la mancanza addebitata al socio sia di rilevante gravità o vi sia recidiva nelle sanzioni di cui alle precedenti lettere a) e b);

10

 

d) esclusione dalla Sezione quando sia accertato che il socio abbia posto in essere comportamenti incompatibili con la partecipazione alla Sezione o in violazione del vincolo di giustizia o qualora sia già ripetutamente incorso nella sanzione di sospensione.

17.4 Avverso i provvedimenti del Collegio che devono essere comunicati con lettera raccomandata all’interessato, è ammesso il ricorso al Collegio dei Probiviri dell’Associazione regionale con reclamo motivato da proporsi entro dieci giorni dal ricevimento della suddetta comunicazione

.

17.5 Il Collegio dei Probiviri giudica, in prima istanza, sulle controversie fra sezioni comunali, fra queste e la Sezione provinciale e su quelle fra soci e dirigenti della Sezione provinciale.

17.6 Il Collegio dei Probiviri giudica in via definitiva sui ricorsi relativi alle elezioni di tutti i dirigenti a livello comunale e sull'elezione del Collegio dei Revisori dei Conti.

17.7 Il Collegio dei Probiviri giudica in prima istanza sui ricorsi avverso l'elezione dei dirigenti provinciali.

17.8 Eventuali controversie sull'elezione del Collegio dei Probiviri provinciale sono di competenza del Collegio dei Probiviri regionale.

17.9 Il Collegio adotta le proprie decisioni entro sessanta giorni dal ricevimento degli atti, sentiti gli interessati.

Il Segretario della Sezione provinciale cura l'esecuzione di tali decisioni.

Art. 18

Disposizioni concernenti le Assemblee provinciali e compiti delle medesime

18.1 Le Assemblee deliberano sugli argomenti indicati nell'ordine dei giorno, o su quelli sopravvenuti, urgenti ed indifferibili.

Esse provvedono:

a) ad approvare i bilanci preventivo e consuntivo, redatti secondo le modalità contenute nel Regolamento di amministrazione e contabilità e la relazione tecnico-morale-finanziaria da trasmettere al Consiglio regionale nei termini prescritti;

b) ad eleggere i membri del Consiglio direttivo, del Collegio dei Revisori e del Collegio dei Probiviri;

c) a determinare le direttive per il coordinamento delle attività delle Sezioni comunali.

18.2 Il Consiglio direttivo, all'atto della convocazione dell'Assemblea elettiva, nomina la Commissione elettorale e determina il numero dei componenti il Consiglio direttivo.

I membri della Commissione elettorale non hanno diritto di voto. 11

Art. 19

Compiti dei Consigli direttivi e della Giunta esecutiva

delle Sezioni provinciali

19.1 Il Consiglio direttivo gestisce la Sezione provinciale nel rispetto delle disposizioni contenute nel presente Statuto e nei Regolamenti.

Il Consiglio direttivo decide sulle questioni di indirizzo attinenti l'attività della Sezione e redige i bilanci da sottoporre all'Assemblea.

19.2 Il Consiglio direttivo provvede alla designazione dei rappresentanti negli organismi venatori ed ambientali di interesse provinciale.

19.3 Il Consiglio direttivo coordina e indirizza l'attività delle sezioni comunali e, in particolare, attua le direttive deliberate dall'Assemblea provinciale.

19.4 Le riunioni del Consiglio direttivo si tengono almeno una volta ogni quattro mesi e ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno.

19.5 Le sedute sono valide quando sia presente almeno la metà più uno dei componenti.

Il Consiglio direttivo adotta le deliberazioni a maggioranza dei presenti; in caso di parità è determinante il voto di chi presiede.

19.6 Un terzo dei Consiglieri può chiedere la convocazione del Consiglio direttivo con richiesta motivata e previa presentazione dell'ordine dei giorno.

I Consiglieri che, salvo giustificato motivo scritto, non prendono parte per tre volte consecutive alle riunioni del Consiglio direttivo, decadono dalla carica.

19.7 Alla sostituzione dei Consiglieri che cessano dalla carica, si provvede mediante surrogazione, con il primo dei non eletti ovvero, in mancanza, con elezioni parziali, che dovranno essere espletate nella prima Assemblea utile.

19.8 Se viene meno la maggioranza dei componenti, il Consiglio direttivo decade automaticamente.

Per l'ordinaria amministrazione resta in carica il Presidente che dovrà convocare l'Assemblea straordinaria entro trenta giorni, nominando la Commissione elettorale.

L'Assemblea dovrà essere tenuta entro i trenta giorni successivi.

19.9 La Giunta provinciale svolge le funzioni delegate dal Consiglio direttivo per determinate materie e, in caso di estrema urgenza, può deliberare, salvo ratifica del Consiglio direttivo nella prima riunione successiva.

12

Art. 20

Autonomia e responsabilità gestionali delle Sezioni provinciali

per l'attività venatoria

20.1 Le Sezioni provinciali godono, di autonomia patrimoniale, gestionale, amministrativa, contabile, fiscale e di bilancio, limitatamente alle attività previste della legge 11 febbraio 1992, n. 157, per le associazioni venatorie.

20.2 Il patrimonio delle Sezioni provinciali è costituito dai beni acquisiti, da contabilizzarsi nell'inventario e nel conto consuntivo. Chi cessa di far parte, per qualunque motivo, delle Sezioni comunali che fanno capo alle Sezioni provinciali, non ha alcun diritto sul patrimonio sezionale.

20.3 Le entrate finanziarie delle Sezioni provinciali sono costituite dalla quota della tessera federale di propria competenza, da contributi e da donazioni e lasciti.

20.4 La Sezione provinciale ha distinti bilanci, preventivo e consuntivo, e formula una relazione annuale sull'andamento della gestione e sui programmi di attività, sottoscritta dal Presidente, insieme ad una relazione deliberata dal Collegio dei Revisori.

Le modalità di gestione di cassa debbono uniformarsi ai principi del Regolamento di amministrazione e contabilità.

20.5 Delle obbligazioni contratte dalla Sezione provinciale risponde unicamente la stessa con il proprio patrimonio, fermo restando la competenza e la responsabilità degli organi collegiali della Sezione.

20.6 Per tutti gli atti di gestione amministrativa e contabile della Sezione, sono responsabili anche solidalmente, coloro che li hanno posti in essere.

20.7 Nel caso in cui gli organi della Sezione provinciale deliberino il passaggio ad altra associazione venatoria ogni bene e risorsa economico e patrimoniale della Sezione diverrà di proprietà della Federcaccia Lombarda.

Art. 21

Attività agonistico-sportivo-venatoria delle Sezioni provinciali

21.1 Le Sezioni provinciali possono svolgere ogni attività agonistico sportiva ritenuta utile al perseguimento dei fini istituzionali.

21.2 Le Sezioni possono altresì promuovere, regolamentare e giudicare competizioni sportive amatoriali per discipline agonistiche la cui titolarità appartenga a Federazioni sportive nazionali riconosciute dal CONI.

21.3 Le entrate e le uscite relative a tali attività, saranno contabilizzate nei bilancio della Sezione.

13

Art. 22

Sezioni comunali

22.1 Le Sezioni comunali hanno sede nei comuni della provincia e sono formate dai soci.

22.2 Ove particolari situazioni locali lo richiedano possono essere costituite dal Consiglio direttivo della Sezione provinciale, che ne stabilirà la denominazione, più Sezioni comunali.

22.3 E' in facoltà dei soci di due o più comuni confinanti di deliberare, in separate assemblee, la costituzione di un'unica Sezione con il nome dei vari comuni.

Tale delibera può essere assunta previo consenso del Consiglio direttivo provinciale.

22.4 Le Sezioni comunali svolgono, nel proprio territorio, i compiti loro assegnati da leggi e relativi regolamenti, dalle decisioni assunte dagli Organi provinciali e regionali della Federcaccia Lombarda e collaborano fra loro per il raggiungimento dei fini associativi.

22.5 In particolare le Sezioni comunali provvedono:

a) in collaborazione fra loro e con la Sezione provinciale, alla educazione venatoria degli associati;

b) alla promozione di iniziative, in seno agli ambiti territoriali di caccia e ai comprensori alpini, volte alla tutela dell’ambiente e all’incremento del patrimonio faunistico e al mantenimento degli equilibri biologici fra le varie specie di fauna selvatica;

c) alla prevenzione e repressione del bracconaggio;

d) alla tenuta dell'elenco annuale dei soci;

e) alla riunione in assemblea dei propri iscritti;

f) a collaborare con gli Organi dell'associazione per iniziative di carattere provinciale e regionale;

g) alla organizzazione di mostre, concorsi ed altre iniziative di carattere venatorio, cinofilo, sportivo ed ecologico;

h) allo sviluppo ed al mantenimento di rapporti con associazioni, circoli e gruppi costituitisi per finalità analoghe o affini a quelle dei mondo venatorio;

i) all'organizzazione di gruppi di difesa ambientale e di protezione civile, in particolare con funzioni antincendio e vigilanza sulle acque interne.

Art. 23

Organi

23.1 Sono Organi della Sezione comunale:

a) l'Assemblea;

b) il Presidente;

c) il Consiglio direttivo;

d) il Segretario Tesoriere;

e) il Collegio dei Revisori (nelle Sezioni aventi 100 o più soci e in tutti i casi ove

deliberato dall’Assemblea);

f) la Giunta Esecutiva (ove l'Assemblea ritenga opportuno istituirla). 14

23.2 Tutte le cariche sociali durano fino all'esaurimento dei cinque anni e sono onorifiche. La Sezione non può conferire ai titolari di dette cariche ruoli retribuiti, né contrarre con essi rapporti di lavoro subordinato o autonomo.

La qualifica di membro del Collegio dei Revisori, è incompatibile con qualunque altra carica sociale.

Art. 24

Assemblee comunali

24.1 Le Assemblee comunali sono formate dai soci delle Sezioni comunali;

24.2 L'Assemblea è l'organo sovrano della Sezione che provvede:

- alla elezione dei componenti il Consiglio nel numero stabilito dal Consiglio direttivo che ha deliberato la convocazione dell’Assemblea elettorale e del Collegio dei Revisori, ove previsto;

- a stabilire gli indirizzi generali di gestione dell'attività sociale;

-

alla approvazione del Bilancio Preventivo e Conto Consuntivo;

-

alle delibere sullo scioglimento, la fusione, incorporazione e cambio della denominazione sociale.

24.3 L'Assemblea è convocata, in via ordinaria, almeno una volta l'anno dal Consiglio direttivo entro il 28 febbraio, per deliberare sul bilancio preventivo e consuntivo e ratificare la misura della quota sociale deliberata dal Consiglio direttivo. L'Assemblea può essere convocata in via straordinaria ogni qualvolta sia necessario, ovvero quando ne sia fatta richiesta motivata con indicazione degli argomenti da porsi all'ordine del giorno da almeno un terzo dei soci della Sezione.

Le Assemblee sono convocate mediante preavviso di almeno 10 giorni. L'annuncio deve essere ampiamente pubblicizzato e rimanere affisso, per tutto il periodo di tempo precedente l'Assemblea, nella sede sociale.

L’avviso deve contenere il luogo, la data e l’ora della convocazione e l’indicazione degli argomenti posti all'ordine del giorno. I soci hanno diritto, nelle 24 ore immediatamente precedenti l'Assemblea, di prendere visione, nel luogo e ora indicati nell'avviso di convocazione, di tutti gli atti e documenti relativi agli argomenti posti all'ordine del giorno. L'Assemblea è fissata in prima e seconda convocazione.

Fra le due convocazioni deve intercorrere almeno un'ora.

In prima convocazione, l'Assemblea è valida con la presenza di almeno un terzo dei soci della Sezione.

In seconda convocazione, l'Assemblea è valida qualunque sia il numero dei soci presenti.

Il Presidente della Sezione, constatata la validità della costituzione della Assemblea, invita la stessa a nominare il Presidente.

Le delibere sono prese a maggioranza dei votanti.

24.4 I partecipanti alle Assemblee comunali votano personalmente. Non è ammessa la delega. 15

Art. 25

Elezione alle cariche sociali

25.1 Il Consiglio provvede all’indizione delle elezioni nominando una Commissione elettorale di tre membri che espleta le funzioni di verifica poteri, di ammissibilità delle liste o delle candidature, di scrutinio, di direzione e controllo delle operazioni elettorali, di risoluzione di eventuali controversie e di proclamazione dei risultati.

25.2 I componenti della Commissione elettorale non sono eleggibili ad alcuna carica nell'Assemblea in cui hanno svolto tale funzione.

25.3 Le liste dei candidati devono essere presentate da un numero di soci fissato dal Consiglio direttivo nella seduta che indice le elezioni. Tali liste dovranno essere firmate dai presentatori con l'indicazione del rispettivo indirizzo e del numero della tessera federale in vigore.

Le liste dovranno pervenire alla Sezione almeno cinque giorni prima del giorno stabilito per le votazioni e dovranno essere subito affisse in sede e restare esposte nella sala del seggio per tutto il periodo delle votazioni.

25.4 E' vietata qualsiasi forma di propaganda elettorale nella sala del seggio durante lo svolgimento delle operazioni di voto.

25.5 Le elezioni avvengono mediante votazione segreta espressa su liste le quali debbono contenere un numero di candidati pari al numero dei seggi da attribuire.

E’ ammessa da parte dell’elettore la cancellazione dalla lista di uno o più candidati e l’aggiunta di altri nominativi, purchè corrispondenti a soci della Sezione che siano eleggibili ai sensi dell’art. 26.

Se viene presentata una sola lista risulteranno eletti i candidati della lista che avranno riportato il maggior numero di voti. E’ comunque ammesso il voto di lista.

Se vengono presentate due o più liste risulteranno eletti i candidati che avranno ottenuto il maggior numero di voti, anche se in liste diverse.

Se, nei termini e modi previsti dai presente Statuto non viene presentata alcuna lista, la votazione avviene su schede in bianco distribuite dalla Commissione elettorale a ciascun iscritto.

Risulteranno eletti i candidati che avranno ottenuto il maggior numero di voti.

25.6 Le candidature al Collegio dei Revisori possono essere presentate anche nel corso dell'Assemblea da almeno due soci.

Avverso la decisione della Commissione elettorale sulle contestazioni sorte in sede di verifica poteri o su qualunque altra contestazione sulla regolarità delle votazioni, ivi compreso l'esito delle stesse, è consentito reclamo motivato alla Sezione provinciale della Federcaccia. Il reclamo deve essere preannunciato con dichiarazione scritta e succintamente motivato prima della chiusura dell'Assemblea e deve essere presentato entro 3 giorni dall'Assemblea medesima. La Sezione provinciale delibera in merito al reclamo, sentite le parti, entro 15 giorni dal ricevimento. 16

Art. 26

Requisiti per l'elezione alle cariche sociali

26.1 Per essere eletti alle cariche sociali i soci, in possesso della tessera federale a fini venatori

, devono:

a) non aver riportato condanne definitive per reati dolosi che comportino il divieto

di contrarre con la Pubblica Amministrazione o di ricoprire cariche pubbliche, se non intervenuto provvedimento di estinzione del reato o delle sanzioni penali per gravi infrazioni alle leggi sulla caccia;

b) non essere stati sottoposti a sanzioni disciplinari da parte della Federcaccia e di associazioni ad essa affiliate, che abbiano comportato squalifiche o inibizioni superiori a due anni.

c)

non avere rapporti di lavoro subordinato ovvero rapporti professionali o commerciali continuativi con la Federazione .

Art. 27

Il Presidente

27.1 Il Presidente ha la rappresentanza della Sezione, presiede il Consiglio direttivo e lo convoca. Firma unitamente al Segretario Tesoriere i documenti di spesa. Attua le delibere del Consiglio direttivo e adotta in caso di urgenza i provvedimenti necessari, salvo ratifica del Consiglio direttivo (o della Giunta Esecutiva) nella prima riunione utile.

27.2 Il Vice Presidente più anziano di età sostituisce il Presidente in ogni caso di assenza o impedimento.

27.3 In caso di dimissioni, impedimento permanente o decadenza del Presidente o del Vice Presidente, il Consiglio direttivo provvede alla immediata elezione del nuovo Presidente o Vice Presidente.

27.4 L'Assemblea può eleggere per acclamazione a Presidente onorario chi abbia acquisito rilevanti benemerenze nello sport della caccia e nella attuazione dei fini istituzionali della Federazione.

27.5 Il Presidente onorario partecipa a titolo consultivo alle sedute del Consiglio direttivo. 17

Art. 28

il Consiglio Direttivo

28.1 Il Consiglio direttivo è composto da almeno 3 membri eletti dall'Assemblea ai sensi del precedente articolo 25.

28.2 I componenti dei Consiglio direttivo restano in carica fino all'esaurimento dei cinque anni e sono rieleggibili.

28.3 Il Consiglio Direttivo nella sua prima riunione elegge a scrutinio segreto fra i suoi componenti il Presidente, uno o più Vice Presidenti e il Segretario Tesoriere.

28.4 Il Consiglio direttivo si riunisce almeno 4 volte all'anno su convocazione del Presidente ed è regolarmente costituito con la presenza di almeno la metà dei membri più il Presidente. La convocazione deve essere effettuata con mezzi idonei e almeno 7 giorni prima della data fissata per la riunione, salvo motivi di eccezionale urgenza e salvo l'ipotesi di presenza totale.

28.5 Il Consiglio direttivo si riunisce inoltre ogni qualvolta ne facciano richiesta almeno un terzo dei suoi componenti.

28.6 Qualora il Presidente non provveda a convocare il Consiglio entro 15 giorni dalla richiesta, la convocazione può essere effettuata direttamente dai Consiglieri richiedenti di cui al comma precedente.

28.7 Il Consiglio direttivo delibera a maggioranza.

28.8 In caso di parità prevale il voto del Presidente.

28.9 In caso di dimissioni, decadenza o impedimento permanente di uno o più consiglieri, subentra al loro posto il primo dei non eletti nell'Assemblea.

28.10 In caso contrario si procede alla relativa elezione alla prima assemblea utile.

28.11 In caso di decadenza, dimissioni o impedimento definitivo di consiglieri che rappresentino almeno la metà dei Consiglio, l'intero Consiglio decade, e il Presidente e il Segretario Tesoriere restano in carica per l'ordinaria amministrazione e per la convocazione dell'assemblea elettiva, da tenersi entro 30 giorni dalla avvenuta decadenza.

28.12 In caso di inerzia, la Sezione provinciale provvede ai sensi del successivo articolo 34. 18

Art. 29

Compiti del Consiglio Direttivo

29.1 Il Consiglio direttivo è l'organo di direzione e gestione della Sezione.

29.2 Esso provvede, in conformità agli indirizzi approvati dall'Assemblea, alla conduzione della Sezione e alla realizzazione dei fini sociali.

29.3 E' competente su qualsiasi materia che il presente Statuto non riservi ad altro organo.

Art. 30

Giunta Esecutiva

30.1 La Giunta Esecutiva è composta dal Presidente, da uno o più Vice Presidenti, dal Segretario Tesoriere e da altri membri del Consiglio eletti nel proprio ambito.

30.2 La Giunta Esecutiva delibera in merito a tutte le materie che ad essa siano delegate dal Consiglio direttivo.

Art. 31

Il segretario tesoriere

31.1 Il Segretario Tesoriere è eletto dal Consiglio direttivo ai sensi del precedente articolo 28 comma 3.

31.2 Il Segretario Tesoriere cura e conserva i verbali delle riunioni dei Consiglio direttivo, svolge tutte le pratiche di carattere amministrativo e finanziario, firma congiuntamente al Presidente gli impegni di spesa, predispone il bilancio preventivo e il conto consuntivo da deliberarsi dal Consiglio direttivo ai fini dell'approvazione da parte dell'Assemblea ed è responsabile della regolare tenuta dei libri e delle scritture contabili.

Art. 32

Il Collegio dei Revisori delle Sezioni comunali

32.1 Il Collegio dei Revisori è composto da tre membri effettivi e un supplente eletti dall'Assemblea.

32.2 Il Collegio elegge nel suo seno il Presidente.

32.3 Il Collegio dei Revisori controlla la gestione finanziaria e contabile della Sezione, la regolare tenuta della contabilità e dei libri sociali. Formula inoltre la relazione sui progetti di bilancio preventivo e conto consuntivo. 19

32.4 Il Presidente del Collegio è invitato a presenziare, anche tramite altro revisore delegato, alle riunioni del Consiglio direttivo.

32.5 Il revisore supplente partecipa alle riunioni del Collegio ogni qualvolta i revisori effettivi siano assenti. I revisori decadono in caso di decadenza o dimissioni del Consiglio e non possono essere revocati se non per giusta causa.

Art. 33

Commissari Straordinari

33.1 In caso di irregolarità gravi nella gestione della Sezione o di manifesto mancato funzionamento, su istanza di soci o di componenti il Consiglio direttivo, la Sezione provinciale può, esperite le opportune indagini, nominare un Commissario Straordinario. Qualora la Sezione provinciale non provveda, l’Assemblea Regionale potrà procedere in sostituzione.

33.2 La nomina del Commissario è immediatamente esecutiva.

33.3 Il Commissario straordinario provvede alla gestione ordinaria, pone in essere tutti gli atti necessari per la rimozione delle eventuali irregolarità e convoca l'Assemblea della Sezione per l'elezione dei nuovi organi entro tre mesi dalla nomina.

33.4 Contro il provvedimento di nomina del Commissario è ammesso ricorso al Consiglio Regionale nel termine di giorni 10 dalla comunicazione.

33.5 Il Commissario straordinario non ha diritto di voto.

Art. 34

Scritture contabili

34.1 La sezione comunale conserva e cura i seguenti libri:

a) l'elenco dei soci;

b) raccolta delle delibere del Consiglio direttivo e relativi verbali;

c) raccolta dei verbali del Collegio dei Revisori (ove esistente);

d) libri e scritture contabili previste dalla vigente legislazione. 20

Art. 35

Patrimonio ed entrate

35.1 Il patrimonio della Sezione è costituito:

a) dal fondo costituito dalle quote di adesione degli associati e da ogni loro eventuale contributo, nonché da ogni altra entrata che pervenga alla Sezione per il raggiungimento dei fini sociali;

b) dai beni mobili e immobili di proprietà della Sezione secondo le risultanze del

libro degli inventari.

35.2 L'eventuale gestione di attività commerciali, anche di carattere ricreativo continuativo, deve essere oggetto di scritture e bilanci separati dalla gestione della Sezione. Ove tale attività sia affidata a terzi, gli eventuali utili e oneri della gestione fanno capo esclusivamente ai terzi affidatari della gestione e non incidono sul fondo comune della Sezione, né possono ad alcun titolo comportare obbligazioni o responsabilità di quest'ultima.

35.3 In caso di scioglimento della Sezione, il relativo patrimonio viene devoluto alla Sezione provinciale per essere destinato ai fini istituzionali della Federazione, prioritariamente nell'ambito locale.

35.4 Quando presso una sezione o una sottosezione si costituisce un circolo, la relativa gestione deve essere tenuta, in ogni caso, separata da quella della sezione o sottosezione alla quale è aggregato.

Art. 36

Sottosezioni comunali

36.1 L'Assemblea può autorizzare, su proposta del Consiglio direttivo o su richiesta dei soci interessati, la costituzione di sottosezioni per la migliore realizzazione dei fini statutari in funzione di particolari esigenze o condizioni locali.

36.2 La sottosezione è alle dirette dipendenze della Sezione ed opera secondo gli indirizzi e sotto la vigilanza di quest’ultima. Essa è diretta un Consiglio direttivo composto da non meno di tre membri eletti fra i soci della sottosezione medesima.

36.3 Il Consiglio direttivo elegge nel proprio ambito, mediante votazione segreta, il Presidente, il Vice Presidente e il Segretario della sottosezione.

36.4 Il Collegio dei Revisori della Sezione esplica le funzioni di suacompetenza anche nei

confronti della sottosezione.

36.5 I soci della sottosezione partecipano con diritto di voto alla Assemblea della Sezione.

36.6 La sottosezione ha autonomia organizzativa, contabile e di gestione sotto la vigilanza della Sezione comunale. 21

36.7 La Sezione può determinare annualmente la quota per ciascun iscritto da destinare al funzionamento amministrativo della sottosezione.

37.8 Si applicano alle sottosezioni, in quanto compatibili, tutte le norme dettate per il

funzionamento della Sezione comunale.

Art. 37

Norma transitoria

37.1 Nelle more dell'applicazione delle norme del presente statuto valgono le norme dello

statuto precedente. 22

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

FEDERCACCIA LOMBARDIA

Art. 1

Assemblea Regionale

L’ Assemblea regionale è composta dai Presidenti delle sezioni provinciali e dai delegati designati dalle rispettive Sezioni provinciali in rappresentanza di ogni 2000 iscritti o frazione non inferiore a mille.

L’avviso di convocazione dell’Assemblea regionale, da comunicarsi con dieci giorni di anticipo, salvo particolari urgenze, deve contenere il luogo, la data e l’ora, nonché l’ordine del giorno della riunione.

Il Consiglio regionale nomina la Commissione elettorale nella riunione in cui viene deliberata la data di convocazione dell’Assemblea elettiva

. I componenti la Commissione elettorale non hanno diritto di voto.

La Commissione elettorale ha anche funzione di verifica poteri all’Assemblea.

La Commissione elettorale decide sull’ammissibilità delle liste, tenuto conto dei requisiti previsti dallo Statuto e dal presente regolamento. Ogni eventuale reclamo avverso le decisioni della Commissione elettorale deve essere proposto entro tre giorni al Collegio regionale dei Probiviri in carica che deve decidere in tempo utile

.

Qualora si tratti di decisioni della Commissione in ordine a questioni sorte in Assemblea in sede di verifica poteri o di procedure elettorali, il reclamo deve essere preannunciato con atto scritto e motivato prima della chiusura dell’Assemblea.

ART. 2

ELEZIONE DEL PRESIDENTE

La candidatura a Presidente deve essere depositata almeno cinque giorni prima della convocazione dell’Assemblea elettiva, presso la sede della Segreteria regionale, posta immediatamente in libera visione e sottoscritta da un numero di Presidenti provinciali che rappresentino almeno il 10% dei soci.

Risulta eletto il candidato che raccoglie il maggior numero di suffragi. 23

ART. 3

ELEZIONE DEI VICEPRESIDENTI

Le candidature a Vice presidente , presentate per liste, devono essere depositate almeno cinque giorni prima della convocazione dell’Assemblea elettiva, presso la sede della Segreteria regionale, poste in libera visione immediatamente e sottoscritte da un numero di Presidenti provinciali che rappresentino almeno il 10% dei soci.

Risultano eletti i candidati della lista che riporta il maggior numero di voti.

ART. 4

IL CONSIGLIO REGIONALE

L’avviso di convocazione del Consiglio regionale, da comunicarsi con dieci giorni di anticipo, salvo particolari urgenze, deve contenere il luogo, la data e l’ora, nonché l’ordine del giorno della riunione.

Le riunioni sono validamente costituite con la presenza della metà più uno dei componenti il Consiglio.

L’accertamento della validità delle riunioni è operata all’inizio delle sedute e va verificata ogni qual volta sia richiesta da un componente.

Le votazioni hanno luogo per appello nominale o per alzata di mano, salvo i casi previsti per le votazioni a scrutinio segreto.

Le deliberazioni sono prese a maggioranza relativa; in caso di parità prevale il voto del Presidente.

ART.5

ELEZIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLE SEZIONI PROVINCIALI

L’elezione dei componenti il Consiglio direttivo delle Sezioni provinciali, nel numero stabilito dal Consiglio direttivo che ha deliberato la convocazione dell’Assemblea elettorale, avviene su una o più liste rispettose della omogenea rappresentanza territoriale, contenenti un numero di candidati pari al numero dei componenti il Direttivo.

In caso di una sola lista, se l’elettore non intende apportare modifiche, è ammesso anche il voto di lista.

In caso di più liste, risultano eletti i candidati che ottengono il maggior numero di voti, che si determinano sommando i voti di preferenza a quelli di lista.

La Commissione elettorale, nella predisposizione delle schede di voto, aggiungerà comunque ad ogni lista spazi bianchi pari ad un quinto dei membri da eleggere, per consentire l’eventuale cancellazione e l’eventuale sostituzione dei candidati in lista con altri soci della Sezione provinciale.

Le liste dovranno essere presentate alla segreteria provinciale almeno 5 giorni prima della 24

Assemblea, ed ivi esposte, e sottoscritte da un numero di Presidenti di sezioni comunali, o da loro delegati, che rappresentino almeno il 20% degli iscritti alla Sezione provinciale.

Non è ammessa la candidatura in più di una lista; non è ammessa la sottoscrizione di più di una lista.

ART.6

DISPOSIZIONI FINALI

Per tutto quanto non espressamente previsto dallo Statuto, si applicano, se compatibili, le disposizioni statutarie e regolamentari della Federazione Italiana della caccia

Allegati:
Scarica questo file (Statuto_definitivo_2008.pdf)STATUTO DELLA FEDERCACCIA DELLA REGIONE LOMBARDIA[STATUTO REGIONE LOMBARDIA]18-06-2015
|

Cookie e privacy Policy

Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.

Titolare del Trattamento dei Dati

Il legale rappresentante della Federazione Italiana Della Caccia - Nucleo di Magenta "Eligio Colombo"

Sede: Via Cadorna n° 12 (Centro Sacra Famiglia) - 20013- Magenta (MI) - Cod. Fisc. e P.ta IVA n° 93030690155,

Tipologie di Dati raccolti

Fra i Dati Personali raccolti da questa Applicazione, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie, Dati di utilizzo, nome, cognome, email e varie tipologie di Dati.

Dettagli completi su ciascuna tipologia di dati raccolti sono forniti nelle sezioni dedicate di questa privacy policy o mediante specifici testi informativi visualizzati prima della raccolta dei dati stessi.
I Dati Personali possono essere liberamente forniti dall'Utente o, nel caso di Dati di Utilizzo, raccolti automaticamente durante l'uso di questa Applicazione.
Se non diversamente specificato, tutti i Dati richiesti da questa Applicazione sono obbligatori. Se l’Utente rifiuta di comunicarli, potrebbe essere impossibile per questa Applicazione fornire il Servizio. Nei casi in cui questa Applicazione indichi alcuni Dati come facoltativi, gli Utenti sono liberi di astenersi dal comunicare tali Dati, senza che ciò abbia alcuna conseguenza sulla disponibilità del Servizio o sulla sua operatività.
Gli Utenti che dovessero avere dubbi su quali Dati siano obbligatori, sono incoraggiati a contattare il Titolare.
L’eventuale utilizzo di Cookie - o di altri strumenti di tracciamento - da parte di questa Applicazione o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questa Applicazione, ove non diversamente precisato, ha la finalità di fornire il Servizio richiesto dall'Utente, oltre alle ulteriori finalità descritte nel presente documento e nella Cookie Policy, se disponibile.

L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi ottenuti, pubblicati o condivisi mediante questa Applicazione e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.

Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti

Modalità di trattamento

Il Titolare adotta le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l’accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali. 
Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate. Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati altri soggetti coinvolti nell’organizzazione di questa Applicazione (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L’elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.

Base giuridica del trattamento

Il Titolare tratta Dati Personali relativi all’Utente in caso sussista una delle seguenti condizioni:

  • l’Utente ha prestato il consenso per una o più finalità specifiche; Nota: in alcuni ordinamenti il Titolare può essere autorizzato a trattare Dati Personali senza che debba sussistere il consenso dell’Utente o un’altra delle basi giuridiche specificate di seguito, fino a quando l’Utente non si opponga (“opt-out”) a tale trattamento. Ciò non è tuttavia applicabile qualora il trattamento di Dati Personali sia regolato dalla legislazione europea in materia di protezione dei Dati Personali;
  • il trattamento è necessario all'esecuzione di un contratto con l’Utente e/o all'esecuzione di misure precontrattuali;
  • il trattamento è necessario per adempiere un obbligo legale al quale è soggetto il Titolare;
  • il trattamento è necessario per l'esecuzione di un compito di interesse pubblico o per l'esercizio di pubblici poteri di cui è investito il Titolare;
  • il trattamento è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del Titolare o di terzi.

E’ comunque sempre possibile richiedere al Titolare di chiarire la concreta base giuridica di ciascun trattamento ed in particolare di specificare se il trattamento sia basato sulla legge, previsto da un contratto o necessario per concludere un contratto.

Luogo

I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare.
I Dati Personali dell’Utente potrebbero essere trasferiti in un paese diverso da quello in cui l’Utente si trova. Per ottenere ulteriori informazioni sul luogo del trattamento l’Utente può fare riferimento alla sezione relativa ai dettagli sul trattamento dei Dati Personali.

L’Utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alla base giuridica del trasferimento di Dati al di fuori dell’Unione Europea o ad un’organizzazione internazionale di diritto internazionale pubblico o costituita da due o più paesi, come ad esempio l’ONU, nonché in merito alle misure di sicurezza adottate dal Titolare per proteggere i Dati.

Qualora abbia luogo uno dei trasferimenti appena descritti, l’Utente può fare riferimento alle rispettive sezioni di questo documento o chiedere informazioni al Titolare contattandolo agli estremi riportati in apertura.

Periodo di conservazione

I Dati sono trattati e conservati per il tempo richiesto dalle finalità per le quali sono stati raccolti.

Pertanto:

  • I Dati Personali raccolti per scopi collegati all’esecuzione di un contratto tra il Titolare e l’Utente saranno trattenuti sino a quando sia completata l’esecuzione di tale contratto.
  • I Dati Personali raccolti per finalità riconducibili all’interesse legittimo del Titolare saranno trattenuti sino al soddisfacimento di tale interesse. L’Utente può ottenere ulteriori informazioni in merito all’interesse legittimo perseguito dal Titolare nelle relative sezioni di questo documento o contattando il Titolare.

Quando il trattamento è basato sul consenso dell’Utente, il Titolare può conservare i Dati Personali più a lungo sino a quando detto consenso non venga revocato. Inoltre il Titolare potrebbe essere obbligato a conservare i Dati Personali per un periodo più lungo in ottemperanza ad un obbligo di legge o per ordine di un’autorità.

Al termine del periodo di conservazioni i Dati Personali saranno cancellati. Pertanto, allo spirare di tale termine il diritto di accesso, cancellazione, rettificazione ed il diritto alla portabilità dei Dati non potranno più essere esercitati.

Finalità del Trattamento dei Dati raccolti

I Dati dell’Utente sono raccolti per consentire al Titolare di fornire i propri Servizi, così come per le seguenti finalità: Statistica, Contattare l'Utente e Protezione dallo SPAM.

Per ottenere ulteriori informazioni dettagliate sulle finalità del trattamento e sui Dati Personali concretamente rilevanti per ciascuna finalità, l’Utente può fare riferimento alle relative sezioni di questo documento.

Dettagli sul trattamento dei Dati Personali

I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:

  • Contattare l'Utente

Modulo di contatto (questa Applicazione)

L’Utente, compilando con i propri Dati il modulo di contatto, acconsente al loro utilizzo per rispondere alle richieste di informazioni, di preventivo, o di qualunque altra natura indicata dall’intestazione del modulo.

Dati Personali raccolti: cognome, email, nome e varie tipologie di Dati.

  • Protezione dallo SPAM

Questo tipo di servizi analizza il traffico di questa Applicazione, potenzialmente contenente Dati Personali degli Utenti, al fine di filtrarlo da parti di traffico, messaggi e contenuti riconosciuti come SPAM.

Google reCAPTCHA (Google Inc.)

Google reCAPTCHA è un servizio di protezione dallo SPAM fornito da Google Inc.
L'utilizzo del sistema reCAPTCHA è soggetto alla
privacy policy e ai termini di utilizzo di Google.

Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento: Stati Uniti – Privacy Policy. Soggetto aderente al Privacy Shield.

  • Statistica

I servizi contenuti nella presente sezione permettono al Titolare del Trattamento di monitorare e analizzare i dati di traffico e servono a tener traccia del comportamento dell’Utente.

Google Analytics (Google Inc.)

Google Analytics è un servizio di analisi web fornito da Google Inc. (“Google”). Google utilizza i Dati Personali raccolti allo scopo di tracciare ed esaminare l’utilizzo di questa Applicazione, compilare report e condividerli con gli altri servizi sviluppati da Google.
Google potrebbe utilizzare i Dati Personali per contestualizzare e personalizzare gli annunci del proprio network pubblicitario.

Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento: USA – Privacy Policy – Opt Out.

ShinyStat Free (Triboo Data Analytics S.R.L.)

ShynyStat Free è un servizio di statistica fornito da Triboo Data Analytics S.R.L.
Questo servizio di statistica rende anonimo l'indirizzo IP dell'Utente.

Dati Personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento: Italia – Privacy Policy – Opt Out.

Diritti dell’Utente

Gli Utenti possono esercitare determinati diritti con riferimento ai Dati trattati dal Titolare.

In particolare, l’Utente ha il diritto di:

  • revocare il consenso in ogni momento. L’Utente può revocare il consenso al trattamento dei propri Dati Personali precedentemente espresso.
  •  L’Utente può opporsi al trattamento dei propri Dati quando esso avviene su una base giuridica diversa dal consenso. Ulteriori dettagli sul diritto di opposizione sono indicati nella sezione sottostante.
  • accedere ai propri Dati. L’Utente ha diritto ad ottenere informazioni sui Dati trattati dal Titolare, su determinati aspetti del trattamento ed a ricevere una copia dei Dati trattati.
  • verificare e chiedere la rettificazione. L’Utente può verificare la correttezza dei propri Dati e richiederne l’aggiornamento o la correzione. 

  •  Quando ricorrono determinate condizioni, l’Utente può richiedere la limitazione del trattamento dei propri Dati. In tal caso il Titolare non tratterà i Dati per alcun altro scopo se non la loro conservazione.
  •  Quando ricorrono determinate condizioni, l’Utente può richiedere la cancellazione dei propri Dati da parte del Titolare.

  • ricevere i propri Dati o farli trasferire ad altro titolare. L’Utente ha diritto di ricevere i propri Dati in formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e, ove tecnicamente fattibile, di ottenerne il trasferimento senza ostacoli ad un altro titolare. Questa disposizione è applicabile quando i Dati sono trattati con strumenti automatizzati ed il trattamento è basato sul consenso dell’Utente, su un contratto di cui l’Utente è parte o su misure contrattuali ad esso connesse.
  • proporre reclamo. L’Utente può proporre un reclamo all’autorità di controllo della protezione dei dati personali competente o agire in sede giudiziale.

Dettagli sul diritto di opposizione

Quando i Dati Personali sono trattati nell’interesse pubblico, nell’esercizio di pubblici poteri di cui è investito il Titolare oppure per perseguire un interesse legittimo del Titolare, gli Utenti hanno diritto ad opporsi al trattamento per motivi connessi alla loro situazione particolare.

Si fa presente agli Utenti che, ove i loro Dati fossero trattati con finalità di marketing diretto, possono opporsi al trattamento senza fornire alcuna motivazione. Per scoprire se il Titolare tratti dati con finalità di marketing diretto gli Utenti possono fare riferimento alle rispettive sezioni di questo documento.

Come esercitare i diritti

Per esercitare i diritti dell’Utente, gli Utenti possono indirizzare una richiesta agli estremi di contatto del Titolare indicati in questo documento. Le richieste sono depositate a titolo gratuito e evase dal Titolare nel più breve tempo possibile, in ogni caso entro un mese.

Ulteriori informazioni sul trattamento

Difesa in giudizio

I Dati Personali dell’Utente possono essere utilizzati da parte del Titolare in giudizio o nelle fasi preparatorie alla sua eventuale instaurazione per la difesa da abusi nell'utilizzo di questa Applicazione o dei Servizi connessi da parte dell’Utente.
L’Utente dichiara di essere consapevole che il Titolare potrebbe essere obbligato a rivelare i Dati per ordine delle autorità pubbliche.

Informative specifiche

Su richiesta dell’Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questa Applicazione potrebbe fornire all'Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti Servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.

Log di sistema e manutenzione

Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questa Applicazione e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati potrebbero raccogliere log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l’indirizzo IP Utente.

Informazioni non contenute in questa policy

Ulteriori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando gli estremi di contatto.

Risposta alle richieste „Do Not Track”

Questa Applicazione non supporta le richieste “Do Not Track”.
Per scoprire se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportino, l'Utente è invitato a consultare le rispettive privacy policy.

Modifiche a questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone informazione agli Utenti su questa pagina e, se possibile, su questa Applicazione nonché, qualora tecnicamente e legalmente fattibile, inviando una notifica agli Utenti attraverso uno degli estremi di contatto di cui è in possesso il Titolare . Si prega dunque di consultare regolarmente questa pagina, facendo riferimento alla data di ultima modifica indicata in fondo.

Qualora le modifiche interessino trattamenti la cui base giuridica è il consenso, il Titolare provvederà a raccogliere nuovamente il consenso dell’Utente, se necessario.

Definizioni e riferimenti legali

Dati Personali (o Dati)

Costituisce dato personale qualunque informazione che, direttamente o indirettamente, anche in collegamento con qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale, renda identificata o identificabile una persona fisica.

Dati di Utilizzo

Sono le informazioni raccolte automaticamente attraverso questa Applicazione (anche da applicazioni di parti terze integrate in questa Applicazione), tra cui: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dall’Utente che si connette con questa Applicazione, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier), l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nell’inoltrare la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta dal server (buon fine, errore, ecc.) il paese di provenienza, le caratteristiche del browser e del sistema operativo utilizzati dal visitatore, le varie connotazioni temporali della visita (ad esempio il tempo di permanenza su ciascuna pagina) e i dettagli relativi all’itinerario seguito all’interno dell’Applicazione, con particolare riferimento alla sequenza delle pagine consultate, ai parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’Utente.

Utente

L'individuo che utilizza questa Applicazione che, salvo ove diversamente specificato, coincide con l'Interessato.

Interessato

La persona fisica cui si riferiscono i Dati Personali.

Responsabile del Trattamento (o Responsabile)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente che tratta dati personali per conto del Titolare, secondo quanto esposto nella presente privacy policy.

Titolare del Trattamento (o Titolare)

La persona fisica o giuridica, l'autorità pubblica, il servizio o altro organismo che, singolarmente o insieme ad altri, determina le finalità e i mezzi del trattamento di dati personali e gli strumenti adottati, ivi comprese le misure di sicurezza relative al funzionamento ed alla fruizione di questa Applicazione. Il Titolare del Trattamento, salvo quanto diversamente specificato, è il titolare di questa Applicazione.

Questa Applicazione

Lo strumento hardware o software mediante il quale sono raccolti e trattati i Dati Personali degli Utenti.

Servizio

Il Servizio fornito da questa Applicazione così come definito nei relativi termini (se presenti) su questo sito/applicazione.

Unione Europea (o UE)

Salvo ove diversamente specificato, ogni riferimento all’Unione Europea contenuto in questo documento si intende esteso a tutti gli attuali stati membri dell’Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo.

Cookie

Piccola porzione di dati conservata all'interno del dispositivo dell'Utente.


Riferimenti legali

La presente informativa privacy è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679.

Ove non diversamente specificato, questa informativa privacy riguarda esclusivamente questa Applicazione.

Ultima modifica: 30 Maggio 2018

|

F.I.D.C. nucleo di Magenta “Eligio Colombo”.

Logo nucleo1

Benvenuti sul portale della:

Federazione Italiana Della Caccia 

Nucleo di Magenta "Eligio Colombo" 

Sede: Via Cadorna n° 12 (Centro Sacra Famiglia) 

20013 - Magenta (MI)

Cod. Fisc. e P.ta IVA n° 93030690155

Allegati:
Scarica questo file (A_CACCIA_IN_SICUREZZ.pdf)A caccia in sicurezza[Opuscolo a cura della F.I.D.C.]05-12-2016
Scarica questo file (Obblighi e divieti caccia_def.pdf)Obblighi e divieti per l’esercizio dell’attività venatoria in Lombardia[A cura della regione Lombardia]05-12-2016
Scarica questo file (OPUSCOLO_SICUREZZA.pdf)Opuscolo sulla sicurezza[Opuscolo a cura F.I.D.C.]05-12-2016
Scarica questo file (vademecum_pratico.pdf)Attività venatoria e vigilanza[Vademecum Pratico]05-01-2018