Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Federcaccia Nucleo di Magenta "Eligio Colombo"

AVVISO: Data di consegna del certificato abilitazione per il censimento e la caccia di selezione agli ungulati.

|
Scritto da Super User
Categoria:

AVVISO IMPORTANTE

 

A TUTTI COLORO CHE HANNO SOSTENERE GLI ESAMI IL 19 GIUGNO 2018

SONO PRONTI GLI ATTESTATI PER IL CENSIMENTO E IL PRELIEVO DI SELEZIONE AGLI UNGULATI CACCIABILI 

 

IL GIORNO MARTEDì 24/07/2018 DALLE ORE 21:00 ALLE ORE 22:30 presso la Sede di: Via Cadorna n°12 (Centro Sacra Famiglia)
20013 - Magenta (MI)

 

AVVERRA' LA CONSEGNA DEGLI ATTESTATI E RELATIVO PROGRAMMA DEL CORSO

 

 

A TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO E SOSTENUTO L'ESAME CON ESITO POSITVO.

ATTENZIONE NON SONO NECESSARIE LE MARCHE DA BOLLO PRECEDENTEMENTE RICHIESTE DA APPLICARE SUL CERTIFICATO IN QUANTO ESENTE DA MARCA DA BOLLO.

Decreto n. 10796/2017 (restizione al Calendario venatorio riduttivo)

|
Scritto da Super User
Categoria:

ATTENZIONE NUOVE RESTRIZIONI AL CALENDARIO VENATORIO

Con il decreto n. 10796 del 8/09/2017 avente ad oggetto: "Determinazioni in ordine al calendario venatorio regionale per la stagione venatoria 2017/2018. Riduzione, ai sensi dell'art. 1, comma 7, della L.R. 17/2004, del prelievo delle specie: allodola, combattente, moretta, moriglione, pavoncella, pernice bianca, quaglia", la cui pubblicazione è prevista per il 13/9/17 sul BURL n. 37.

Allodola (Alauda arvensis): • prelievo venatorio consentito dal 1° ottobre 2017 al 31 dicembre 2017; • carniere giornaliero e stagionale per cacciatore non superiore a 10 e 50 capi;

- Combattente (Philomachus pugnax): • sospensione del prelievo venatorio;

- Moretta (Aythya fuligula): • carniere stagionale per cacciatore non superiore a 40 capi;

- Moriglione (Aythya ferina): • prelievo venatorio dal 1 ottobre 2017 al 20 gennaio 2018; • carniere giornaliero e stagionale per cacciatore non superiore a 5 e 25 capi;

- Pavoncella (Vanellus vanellus): • carniere giornaliero e stagionale per cacciatore non superiore a 5 e 25 capi;

- Pernice Bianca (Lagopus muta helvetica): • non saranno oggetto di prelievo le subpopolazioni in cui l’indice riproduttivo, calcolato in base ai censimenti estivi, risulti inferiore a 1,25 giovani/adulto; • il prelievo verrà fermato alla realizzazione dell’80% del piano; • eventuali ulteriori limitazioni potranno essere disposte, entro il 20 settembre 2017, dal Dirigente competente della Direzione Generale Agricoltura di Regione Lombardia, in base ai risultati dei censimenti estivi;

- Quaglia (Coturnix coturnix): • carniere giornaliero e stagionale per cacciatore non superiore a 10 e 50 capi;

Allegati:
Scarica questo file (Decreto n. 10796 del 8-9-17 (Calendario riduttivo 2017).pdf)Decreto n. 10796 del 8-9-17 (Calendario riduttivo 2017)[Decreto in versione integrale]11-09-2017

DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2018 n. 164, RELATIVO ALLA ATTUAZIONE DELLA COSIDETTA "DIRETTIVA ARMI" CIRCOLARE INTERPRETATIVA DEL MINISTERO DEGLI INTERNI.

|
Scritto da Super User
Categoria:

Comunichiamo che è stata resa pubblica la circolare interpretativa del Ministero degli Interni in merito al Decreto di recepimento della “Direttiva Armi”- DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2018 n. 164, (V. ALLEGATI)

Qui di seguito riportiamo un sunto della normativa indicando le principali modifiche che riguardano il mondo venatorio: riduzione da 6 a 5 anni della durata di validità delle licenze di porto d’armi e uso sportivo. Per le licenze rilasciate fino al 14 settembre 2018 continua a valere la vecchia durata, fino al prossimo rinnovo. Rimane invece il limite di tre mesi per il certificato medico di idoneità per il rinnovo della licenza di porto di fucile per uso di caccia.

La necessaria certificazione dei requisiti psicofisici potrà essere rilasciata anche da singoli medici della Polizia di Stato, dei Vigili del fuoco o da medici militari in servizio permanente e in attività di servizio (per il semplice nulla osta alla detenzione anche pensionati) fuori dalle strutture di appartenenza.

È stata aumentata la capacità dei caricatori, che è stato uniformato al resto d’Europa portandoli da 5 a 10 colpi per le armi lunghe (20 per le armi corte). Scatta ora l’obbligo di denuncia se in possesso di caricatori con una capacità superiore. Attenzione: non ne è però consentito automaticamente l’uso a caccia.

Per quanto riguarda il numero delle armi da caccia detenibili, questo è rimasto invariato. Anche se il loro uso non è contemplato a caccia, ricordiamo che è stato raddoppiato (ora sono 12) il numero di armi sportive detenibili.

Non è stato introdotto il paventato obbligo di avvisare i propri conviventi maggiorenni di possedere o aver acquistato una nuova arma o addirittura richiesto la relativa licenza. Ricordiamo però che l'adempimento è già previsto dal 2010, ma non è mai divenuto operativo per la mancata emanazione del regolamento recante le modalità tecniche attuative.

Infine, per l’annosa questione dei motivi ostativi al rilascio del porto d’armi ex articolo 43 del Tulps. legata al riconoscimento o meno della intervenuta riabilitazione con la modifica introdotta si raggiunge un importante chiarimento, ovvero che se è intervenuta la riabilitazione, la domanda di rilascio o rinnovo del porto d’armi non può più essere automaticamente rigettata ma deve essere valutata la situazione personale del richiedente e la sua condotta nel periodo successivo alla riabilitazione stessa.

Allegati:
Scarica questo file (circolare interpretativa Mininterno.pdf)Circolare interpretativa Ministero[Circolare originale]20-09-2018
Scarica questo file (Gazzetta Ufficiale 8 settembre 2018.pdf)Gazzetta Ufficiale 8 settembre 2018[Pubblicazione nuova legge armi]20-09-2018

Data esame caccia al cinghiale in forma collettiva edizione 2018.

|
Scritto da Super User
Categoria:

ATTENZIONE AVVISO PER ALLIEVI CACCIA AL CINGHIALE edizione 2018.

Si AVVISANO tutti gli aspiranti cacciatori del corso per l'abilitazione alla caccia al

cinghiale in forma collettiva tenutosi presso il nostro nucleo di Magenta Dal 29 maggio al 26 Giugno 2018 :

Che il giorno 20-09-2018 si terranno gli esami presso la sede UTR Città Metropolitana di Milano (presso Regione Lombardia) con sede in Via Fabio Filzi, 22, per cui tutti i candidati sono invitati in tale data a presentarsi per le ore 08:30 presso il sudetto UTR Città Metropolitana di Milano per sostenere gli esami in oggetto che avranno inizio alle ore 09:00, si prega la massima puntualità.

Si ricorda di portare un documento di identità e una penna.

 

ATTENZIONE: La lezione di ripasso si terrà il giorno 18/09/2018 alle ore 20:00 

presso la sede Federcaccia Nucleo di Magenta in Via Cadorna n°12 (Centro Sacra Famiglia) 20013 - Magenta (MI)

LEGGE 17 aprile 2015, n. 43 ( Parte sulla modifiche in materia di armi)

|
Scritto da Super User
Categoria:

All’articolo 31, primo comma, del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, è ag-giunto, in fine, il seguente periodo: «Ai titolari della licenza di cui al periodo precedente e nell’ambito delle attività autorizzate con la licenza medesima, le autorizzazioni e gli adempimenti previsti dalla normativa vigente non sono richiesti per i caricatori di cui all’articolo 38, primo comma, secondo periodo.». 3-septies. All’articolo 38, primo comma, del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «La denuncia è altresì necessaria per i soli caricatori in grado di contenere un numero superiore a 5 colpi per le armi lunghe e un numero superiore a 15 colpi per le armi corte, fermo restando quanto previsto dall’articolo 2, secondo comma, della legge 18 aprile 1975, n. 110, e successive modifica-zioni.». 3-octies. All’articolo 697, primo comma, del codice penale, dopo le parole: «detiene armi o» sono inserite le seguenti: «caricatori sog-getti a denuncia ai sensi dell’articolo 38 del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni, o». 3-novies. Chiunque, a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, detiene caricatori soggetti a denuncia ai sensi dell’articolo 38, primo comma, secondo pe-riodo, del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, introdotto dal comma 3-septies del presente articolo, deve provvedere alla denuncia entro il 4 novembre 2015. Sono fatte salve le ipotesi di esclusione dall’obbligo di denuncia previste dal medesimo articolo 38, secondo comma. 3-decies. Dopo il comma 2 dell’articolo 13 della legge 11 febbraio 1992, n. 157, è inserito il seguente: «2-bis. In deroga a quanto previsto dai commi 1 e 2, l’attività venatoria non è consentita con l’uso del fucile rientrante tra le armi da fuoco semiautomatiche somiglianti ad un’arma da fuoco automatica, di cui alla categoria B, punto 7, dell’allegato I alla diret-tiva 91/477/CEE del Consiglio, del 18 giugno 1991, nonché con l’uso di armi e cartucce a percussione anulare di calibro non superiore a 6 millimetri Flobert». 3-undecies. Alle armi escluse dall’uso venatorio ai sensi dell’arti-colo 13, comma 2-bis, della legge 11 febbraio 1992, n. 157, introdotto dal comma 3-decies del presente articolo, detenute alla data di en-trata in vigore della legge di conversione del presente decreto, conti-nuano ad applicarsi i limiti numerici sulla detenzione vigenti ante-riormente alla medesima data. In caso di cessione, a qualunque titolo, delle armi medesime, si applicano i limiti detentivi di cui all’articolo 10, sesto comma, primo periodo, della legge 18 aprile 1975, n. 110, e successive modificazioni. »; alla rubrica sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «e di quella della detenzione di armi comuni da sparo e dei relativi caricatori, nonche' tracciabilita' delle armi e delle sostanze esplodenti».

 

Allegati:
Scarica questo file (00910612.pdf)LEGGE 17 aprile 2015, n. 43 [Legge in versione integrale]13-01-2017