Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Federcaccia Nucleo di Magenta "Eligio Colombo"

Licenza di porto di arma lunga per il tiro a volo

|
Categoria:

porto armiQuesto tipo di licenza, rilasciata dal Questore, è comunemente detta per uso sportivo e permette di esercitare il tiro a volo e il tiro a segno. In particolare, per il tiro a segno è necessario iscriversi presso una Sezione di Tiro a Segno Nazionale o presso un'associazione di tiro iscritta ad una federazione sportiva affiliata al CONI.

La licenza di porto di fucile con canna ad anima liscia per il tiro a volo autorizza il titolare al porto delle sole armi idonee all'esercizio della specifica attività di tiro. La licenza ha una validità di 5 anni.

 

Fonte sito web della questura: http://www.poliziadistato.it/articolo/view/314/

 

 

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DELLA LICENZA DI TIRO A VOLO  


1. Domanda in carta bollata da € 16.00 diretta al Questore, con firma autenticata o sottoscritta dall’interessato in presenza dell’addetto al ritiro. Se la domanda viene inviata tramite terzi la firma va accompagnata dalla fotocopia della carta di identità.

2. Stato di famiglia con l’annotazione di cui al 1° comma dell’art. 12 del T.U.L.P.S.  E’ consentita anche l’autocertificazione, previa indicazione di tutto il nucleo famigliare.

3. N. 2 fotografie a capo scoperto di cui una legalizzata. La fotografia può essere legalizzata dall’ufficio ricevente, a richiesta dell’interessato, se presentata personalmente (L. 127/97, art. 2). In questo caso non è applicata l’imposta di bollo

4. Congedo militare oppure certificato di abilitazione al maneggio delle armi lunghe e corte rilasciato da una sezione del tiro a segno nazionale.

5. Certificato di idoneità psicofisica rilasciato dall’A.S.L. di residenza dell’interessato oppure da un ufficiale medico militare o medico della Polizia di Stato, in bollo.

6. Attestazione di versamento di € 1,27 sul cc postale n. 3251, intestato alla Tesoreria provinciale dello Stato — Sezione di Milano — per l’imputazione al capo IX, capitolo 3484.

7. Marca da bollo da € 16.00. 

N.B. Da presentare al Comando di Pubblica Sicurezza o alla Stazione Carabinieri della propria zona di residenza

 

 

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RINNOVO DELLA LICENZA DI TIRO A VOLO

 

1. Domanda in carta bollata da € 16.00 diretta al Questore, con firma autenticata o sottoscritta dall’interessato in presenza dell’addetto al ritiro. Se la domanda viene inviata tramite terzi la firma va accompagnata dalla fotocopia della carta di identità.

2. Stato di famiglia con l’annotazione di cui al 1° comma dell’art. 12 del T.U.L.P.S.  E’ consentita anche l’autocertificazione, previa indicazione di tutto il nucleo famigliare.

3. N. 2 fotografie a capo scoperto di cui una legalizzata. La fotografia può essere legalizzata dall’ufficio ricevente, a richiesta dell’interessato, se presentata personalmente (L. 127/97, art. 2). In questo caso non è applicata l’imposta di bollo.

4. Certificato di idoneità psicofisica rilasciato dall’A.S.L. di residenza dell’interessato oppure da un ufficiale medico militare o medico della Polizia di Stato, in bollo. 

5. Libretto di porto d'armi in scadenza.. 

6. Attestazione di versamento di € 1,27 sul cc postale n. 3251, intestato alla Tesoreria provinciale dello Stato — Sezione di Milano — per l’imputazione al capo IX, capitolo 3484.

7. Marca da bollo da € 16.00. 

N.B. Da presentare al Comando di Pubblica Sicurezza o alla Stazione Carabinieri della propria zona di residenza

 

 

 

Licenza di porto di fucile per uso di caccia

|
Categoria:

porto armiE' una licenza che autorizza al porto di fucile per uso di caccia nei periodi di apertura della stagione venatoria valido 5 anni dalla data di rilascio.

La Legge Nazionale 11 Febbraio 1992 N.157 "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e prelievo venatorio” definisce le modalità dell'esercizio dell'attività venatoria.

Art. 12 - Esercizio dell'attività venatoria.
L'attività venatoria si svolge per una concessione che lo Stato rilascia ai cittadini che la richiedono e che posseggano i requisiti previsti dalla presente legge.
Costituisce esercizio venatorio ogni atto diretto all'abbattimento o alla cattura di fauna selvatica mediante l'impiego dei mezzi di cui all'articolo 13. E' considerato altresì esercizio venatorio il vagare o il soffermarsi con i mezzi destinati a tale scopo o in attitudine di ricerca della fauna selvatica o di attesa della medesima per abbatterla.
Ogni altro modo di abbattimento é vietato, salvo che non avvenga per caso fortuito o per forza maggiore.
Fatto salvo l'esercizio venatorio con l'arco o con il falco, l'esercizio venatorio stesso può essere praticato in via esclusiva in una delle seguenti forme:

  • vagante in zona Alpi
  • da appostamento fisso
  • nell'insieme delle altre forme di attività venatoria consentite dalla presente legge e praticate nel rimanente territorio destinato ad attività venatoria programmata.

La fauna selvatica abbattuta durante l'esercizio venatorio nel rispetto delle disposizioni della presente legge appartiene a colui che l'ha cacciata.

Per l'esercizio venatorio bisogna essere in possesso:

Del libreto di porto di fucili in corso di validità,

Dalla licenza di caccia,

Del tesserino venatorio regionale,

E dell'assicurazione per responsabilità civile.

  


DOCUMENTI OCCORRENTI PER IL RILASCIO DELLA LICENZA DI PORTO DI FUCILE AD USO CACCIA  


1. Domanda in carta bollata da € 16.00 diretta al Questore, con firma autenticata o sottoscritta dall’interessato in presenza dell’addetto al ritiro. Se la domanda viene inviata tramite terzi la firma va accompagnata dalla fotocopia della carta di identità.

2. Stato di famiglia con l’annotazione di cui al 1° comma dell’art. 12 del T.U.L.P.S.  E’ consentita anche l’autocertificazione, previa indicazione di tutto il nucleo famigliare.

3. N. 2 fotografie a capo scoperto di cui una legalizzata. La fotografia può essere legalizzata dall’ufficio ricevente, a richiesta dell’interessato, se presentata personalmente (L. 127/97, art. 2). In questo caso non è applicata l’imposta di bollo.

4. Congedo militare oppure certificato di abilitazione al maneggio delle armi lunghe e corte rilasciato da una sezione del tiro a segno nazionale.

5. Patentino di abilitazione all’esercizio venatorio rilasciato dalla Provincia di Milano — Direzione Centrale Ambiente — Servizio Caccia e Pesca.

6. Certificato di idoneità psicofisica rilasciato dall’A.S.L. di residenza dell’interessato oppure da un ufficiale medico militare o medico della Polizia di Stato, in bollo.

7. Attestazione di versamento della tassa sulle concessioni governative sul c/c postale n. 8003 intestato all’Ufficio tasse concessioni governative — Roma di € 173,16

8. Attestazione di versamento di € 1,27 sul cc postale n. 3251, intestato alla Tesoreria provinciale dello Stato — Sezione di Milano — per l’imputazione al capo IX, capitolo 3484.

9.* Ricevuta del bonifico bancario di Euro 64,56 riportande i seguenti dati:

Intestazione: Regione Lombardia

Cod. IBAN: IT21 C 030 6909 79010000 0300046


Si ricorda, inoltre che è obbligatorio indicare nella causale dei versamenti:
- codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento
- codice direzione generale di riferimento: M1;
- oggetto: tassa caccia.

10. Marca da bollo da € 16.00. 

N.B. Da presentare al Comando di Pubblica Sicurezza o alla Stazione Carabinieri della propria zona di residenza  

*Il pagamento della tassa regionale si potrà effettuare non solo con bonifico bancario ma è stata ripristinata la  possibilità del versamento in conto corrente postale come negli scorsi anni.

versamento sul c/c postale: 
n. 25789207, per la caccia

 

DOCUMENTI OCCORRENTI PER IL RINNOVO DELLA LICENZA DI PORTO DI FUCILE AD USO CACCIA

 

1. Domanda in carta bollata da € 16.00 diretta al Questore, sottoscritta dall’interessato in presenza dell’addetto al ritiro. Se la domanda viene inviata tramite terzi la firma va accompagnata dalla fotocopia della carta di identità.

2. Stato di famiglia con l’annotazione di cui al 1° comma dell’art. 12 del T.U.L.P.S. E’ consentita anche l’autocertificazione, previa indicazione di tutto il nucleo famigliare.

3. N. 2 fotografie a capo scoperto di cui una legalizzata. La fotografia può essere legalizzata dall’ufficio ricevente, a richiesta dell’interessato, se presentata personalmente (L. 127/97, art. 2).

4. La licenza scaduta.

5. Certificato di idoneità psicofisica rilasciato dall’A.S.L. di residenza dell’interessato oppure da un ufficiale medico militare o medico della Polizia di Stato, in bollo.

6. Attestazione di versamento della tassa sulle concessioni governative sul c/c postale n. 8003 intestato all’Ufficio tasse concessioni governative — Roma di € 173,16.

7. Attestazione di versamento di € 1,27 sul cc postale n. 3251, intestato alla Tesoreria provinciale dello Stato — Sezione di Milano — per l’imputazione al capo IX, capitolo 3484.

8.* Ricevuta di bonifico bancario di Euro 64,56 riportande i seguenti dati:

Intestazione: Regione Lombardia

Cod. IBAN: IT21 C 030 6909 79010000 0300046


Si ricorda, inoltre che è obbligatorio indicare nella causale dei versamenti:
- codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento
- codice direzione generale di riferimento: M1;
- oggetto: tassa caccia.

9. Marca da bollo da € 16.00.

 

N.B. Da presentare al Comando di Pubblica Sicurezza o alla Stazione Carabinieri della propria zona di residenza

*Il pagamento della tassa regionale si potrà effettuare non solo con bonifico bancario ma è stata ripristinata la possibilità del versamento in conto corrente postale come negli scorsi anni.

versamento sul c/c postale: 
n. 25789207, per la caccia 

Allegati:
Scarica questo file (Acquisto_Porto_Trasporto_Armi_Sportive_Collezione.pdf)RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER ACQUISTO, PORTO,[Modulo ufficiale]18-06-2015
Scarica questo file (armi_comuni-denuncia_detenzione_corretto.pdf)Denuncia e detenzione armi[modulo ufficiale della questura]28-11-2016
Scarica questo file (autocertificazione+statodifamiglia_def.pdf)Autocertificazione stato famiglia[Modulo compilabile]22-02-2017
Scarica questo file (Cessione arma tra privati.doc)Cessione arma tra privati[Modello da compilare formato doc]28-11-2016
Scarica questo file (cessione_armi_tra_privati.pdf)Cessione arma tra privati[Modello da compilare formato in pdf]28-11-2016
Scarica questo file (Comodato-Duso-di-Armi.pdf)Comodato d'uso di armi da caccia e sportive[Modulo in pdf da compilare]25-08-2017
Scarica questo file (DOCUMENTI OCCORRENTI PER IL RILASCIO DELLA LICENZA DI PORTO DI FUCILE AD USO CACCIA.pdf)Documenti per rilascio Porto d'armi uso caccia[Elenco documenti]25-08-2017
Scarica questo file (DOCUMENTI OCCORRENTI PER IL RINNOVO DELLA LICENZA DI PORTO DI FUCILE AD USO CACCIA.pdf)Documenti per rinnovo Porto d'armi uso caccia[Elenco documenti]25-08-2017

F.I.D.C. nucleo di Magenta “Eligio Colombo”.

|
Categoria:

Logo nucleo1

Benvenuti sul portale della:

Federazione Italiana Della Caccia 

Nucleo di Magenta "Eligio Colombo" 

Sede: Via Cadorna n° 12 (Centro Sacra Famiglia) 

20013 - Magenta (MI)

Cod. Fisc. e P.ta IVA n° 93030690155

Allegati:
Scarica questo file (A_CACCIA_IN_SICUREZZ.pdf)A caccia in sicurezza[Opuscolo a cura della F.I.D.C.]05-12-2016
Scarica questo file (Obblighi e divieti caccia_def.pdf)Obblighi e divieti per l’esercizio dell’attività venatoria in Lombardia[A cura della regione Lombardia]05-12-2016
Scarica questo file (OPUSCOLO_SICUREZZA.pdf)Opuscolo sulla sicurezza[Opuscolo a cura F.I.D.C.]05-12-2016
Scarica questo file (vademecum_pratico.pdf)Attività venatoria e vigilanza[Vademecum Pratico]05-01-2018

Direttivo

|
Scritto da Super User
Categoria:

fidc oro 300x300

L'attuale direttivo della F.I.D.C. del

nucleo di Magenta é costituito da:

  • CAPO NUCLEO:

Garavaglia Dario

  • VICE CAPO NUCLEO:

Allegretti Vincenzo

  • SEGRETARIO:

Pardo Paolo

aquila gvv finita Guardie Giurate Venatorie Volontarie Federcaccia Nucleo di Magenta

"Eligio Colombo"

 

  • Capo Settore delle Guardie Giurate Venatorio Volontario.

Pardo Paolo

  • Vice capo settore G.G.V.V.

Garavaglia Dario

Chi siamo

|
Scritto da Super User
Categoria:

Il nucleo federcaccia di Magenta é costituito dall'insieme delle sezioni comunali del territorio, l'obbiettivo del nucleo é quello di fare da punto di congiunzione tra le varie sezioni e gli enti come Federcaccia Provinciale, Città Metropolitana di Milano e Regione Lombardia oltre all'A.T.C. Pianura Milanese.Oltre all'importante compito di Capo settore delle Guardie Venatorie Volontarie della F.I.D.C. di Milano.

Le sezioni comunali che fanno parte sono:

Arconate

Arluno

Bernate Ticino

Boffalora Sopra Ticino

Buscate

Casorezzo

Castano Primo

Cornaredo

Corbetta

Cuggiono

Dairago

Inveruno

Magenta (non più rappresentata dal nucleo)

Marcallo con Casone

Mesero

Nosate

Ossona

Robecco con Induno

San Pietro all'Olmo

Santo Stefano ticino

Sedriano

Settimo Milanese

Turbigo

Vittuone