Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Federcaccia Nucleo di Magenta "Eligio Colombo"

News ed eventi

ORDINANZA N. 733 Del 01/04/2021della Regione Lombardia, DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITÀ AGRICOLE, CONTROLLO FAUNISTICO, ATTIVITÀ VENATORIE E PISCATORIE.

|
Scritto da Super User
Categoria:

LA REGIONE LOMBARDIA CON L'ORDINANZA N. 733 Del 01/04/2021, RIAPRE LA POSSIBILITA' DI PRATICARE LA CACCIA DI SELEZIONE E IL CONTROLLO DELLA FAUNA SELVATICA.

La Presidenza della Regione Lombardia emana la seguente ordinanza ORDINANZA N. 733 Del 01/04/2021  che autorizza :

 

Art. 1 (Attività agricole, controllo faunistico, attività venatorie e piscatorie)

1) Con riferimento alle attività agricole:

• è consentita l’ attività lavorativa su superfici agricole, anche di limitate dimensioni, non adiacenti a prima od altra abitazione, adibite alle produzioni per autoconsumo, anche personale e non commerciale, a condizione che il soggetto interessato attesti, con autodichiarazione completa di tutte le necessarie indicazioni per la relativa verifica, il possesso di tale superficie agricola produttiva e che essa sia effettivamente adibita ai predetti fini, con indicazione del percorso più breve per il raggiungimento del sito.

2) Con riferimento alle attività di pesca:

• l’attività di pesca professionale è consentita in tutto il territorio della regione;

• in zona arancio, lo svolgimento dell’attività di pesca dilettantistico sportiva, anche presso i centri privati di pesca, compresa la pesca subacquea e con l’uso di natante, è consentito esclusivamente nel territorio della Provincia di 8 residenza, domicilio o abitazione;

• in zona rossa l’attività di pesca sportiva e dilettantistica può essere effettuata esclusivamente nel comune di residenza, domicilio o abitazione in forma individuale con obbligo di rientro nella medesima giornata presso la propria abitazione;

• all’interno del territorio provinciale sono consentiti gli spostamenti delle guardie ittiche volontarie di cui alla Legge regionale n. 31 del 5 dicembre 2008;

• lo spostamento degli operatori dal comune di residenza, domicilio o abitazione, è consentito al fine dello svolgimento di attività ittiogenica presso gli incubatoi ittici;

• sono consentiti ai soggetti espressamente autorizzati lo svolgimento delle attività di contenimento delle specie ittiche alloctone invasive;

3) Con riferimento all’attività di controllo della fauna selvatica e all’attività venatoria:

a) l’attività di controllo ai sensi dell’art. 41 della l.r. 26/93 deve svolgersi nel rispetto delle seguenti condizioni:

• sono consentiti all’interno del territorio provinciale gli spostamenti dei soggetti di cui all’art. 48, comma 5 della l.r. 26/93 per gli interventi di controllo e contenimento coordinati dalla Polizia provinciale e dalla Polizia della Città metropolitana di Milano;

• i proprietari o conduttori dei fondi nei quali si attuano i piani di controllo, muniti di licenza di caccia, autorizzati ai sensi dell’art. 41 della l.r. 26/93, possono attivarsi secondo le modalità di coordinamento stabilite dalla Polizia Provinciale e dalla Polizia della Città metropolitana di Milano con le modalità, i tempi e i mezzi previsti dai piani di controllo delle specie 9 interessate ai sensi delle vigenti disposizioni regionali in materia;

• lo spostamento dei soggetti abilitati e autorizzati ai sensi dell’art. 41 della l.r. 26/93, dei quali la Polizia provinciale e la Polizia della Città metropolitana di Milano possono avvalersi nell’effettuazione degli interventi di controllo, avviene entro i limiti disposti dai medesimi organi di polizia giudiziaria;

b) lo spostamento al di fuori del comune di residenza, domicilio o abitazione è consentito:

ai cacciatori, per l’esercizio dell’attività venatoria di selezione nell’ambito territoriale di caccia o nel comprensorio alpino di caccia di residenza venatoria ovvero di iscrizione, e di tutte le attività complementari alla caccia e al controllo, quali, ad esempio, il censimento delle popolazioni faunistiche, l’addestramento e allenamento cani, il recupero degli ungulati feriti e il trasporto e trattamento delle carcasse presso gli appositi centri di raccolta, nel rispetto della normativa di settore;

ai cacciatori aventi titolo, all’interno degli istituti privati, ovvero delle aziende faunistico-venatorie e delle aziende agri-turistico venatorie, all’esercizio venatorio di selezione e al controllo, nonché di tutte le attività complementari quali, ad esempio, il censimento delle popolazioni faunistiche, l’addestramento e allenamento cani, il recupero degli ungulati feriti e il trasporto e il trattamento delle carcasse presso gli appositi centri di raccolta, in quanto autorizzati dal concessionario dell’azienda, nel rispetto della normativa di settore;

c) L’attività venatoria di selezione e l’attività di controllo della fauna selvatica, nonché tutte le attività complementari, sono limitate ai soli residenti anagraficamente in Lombardia ed esclusivamente all’interno dei confini amministrativi regionali e, pertanto, non sono consentite ai cacciatori e ai soggetti abilitati e autorizzati con residenza anagrafica fuori dai confini 10 amministrativi della Regione Lombardia, anche nel caso di domicilio o abitazione all’interno del territorio regionale. Gli spostamenti nonché l’esercizio di tutte le attività sopra disposte, dovranno avvenire nel rispetto delle misure di distanziamento sociale e con l’utilizzo dei previsti dispositivi di protezione individuale.

Art. 2 (Disposizioni finali)

1. Le disposizioni della presente ordinanza producono i loro effetti dalla data del 2 aprile 2021 in relazione ai periodi in cui la Regione Lombardia è classificata nella c.d. zona arancione o rossa di cui rispettivamente ai Capi IV e V del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021, in base all’emissione delle Ordinanze del Ministro della Salute.

2. Il mancato rispetto delle misure di cui alla presente ordinanza è sanzionato, secondo quanto previsto dall’art. 4 del decreto-legge n. 19/2020 convertito con modificazioni dalla legge 35/2020.

3. La presente ordinanza è trasmessa al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro per gli affari regionali e le autonomie ed al Ministro della salute ed è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (BURL) e nel portale internet della Regione Lombardia, pagine dedicate all’emergenza sanitaria Corona Virus – COVID 19.

Allegati:
Scarica questo file (Ordinanza_733_del_1_Aprile_2021.pdf)ORDINANZA N. 733 Del 01/04/2021, [Ordinanza ufficiale]03-04-2021

DGR 4435 2021, Proroghe delle scadenze in ambito venatorio emanate dalla Regione Lombardia.

|
Scritto da Super User
Categoria:
Regione Lombardia, in considerazione della situazione emergenziale, ha deliberato la proroga delle principali scadenze in materia venatoria. 
 
Ecco la sintesi delle scadenze più importanti:
 
1) restituzione dei tesserini venatori: dal 31 marzo *scadenza prorogata al 30 aprile*;
2) iscrizione presso l’ambito territoriale o il comprensorio alpino: dal 31 marzo *scadenza prorogata al 30 aprile*;
3) approvazione del bilancio consuntivo e preventivo degli ambiti e dei comprensori alpini: dal 30 aprile *scadenza prorogata al 31 maggio*;
4) presentazione richiesta di fruizione di un pacchetto di dieci giornate per la caccia alla selvaggina migratoria da appostamento temporaneo: dal 31 marzo *scadenza prorogata al 30 aprile*;
5) comunicazione circa la modifica dell’opzione della forma di caccia: dal 31 marzo *scadenza prorogata al 30 aprile*. 
 
Qualora la situazione di emergenza dovesse continuare (speriamo ciò non avvenga) saranno valutate ulteriori proroghe. 
Allegati:
Scarica questo file (DGR 4435_2021_proroghe.pdf)DGR 4435 2021 PROROGHE [Delibera originale della Regione Lombardia]17-03-2021

Nuove quote d'iscrizione all'ATC Pianura Milanese per la stagione 2021/2022.

|
Scritto da Super User
Categoria:

Da questa stagione 2021/2022 con le modifiche della L.R. 26/93 gli Ambiti territoriali di caccia adeguano le quote d'iscrizione, di seguito riportiamo le nuove quote dell'ATC Pianura Milanese.

ATTENZIONE: da Febbraio 2021 vengono inserite 2 giornate lavorative per socio, i soci che partecipano alle due giornate hanno diritto ad una riduzione di 20.00 Euro sulla quota della prossima stagione 2022/2023.

APPLICAZIONE:

1 fase dal 1 febbraio 2021 le quote saranno:

  • 55 euro x Appostamento fisso e migratoria da appostamento temporaneo
  • 135 euro x over 80
  • 100 euro x neofiti
  • 145 euro x tutti

dal 1 febbraio 2021 entrano le giornate lavorative che saranno registrate dall'ATC per tutto il 2021

2 Fase 1 febbraio 2022 le quote diventano:

  • 55 Euro appostamenti fissi e migratoria temporanea
  • 125 Euro soci con giornate
  • 135 over 80
  • 100 euro neofiti
  • 145 Euro tutti gli altri

In caso di impossibilità fisica valgono le regole del decreto Regione n 1591

 

Allegati:
Scarica questo file (Avviso soci.png)Avviso ai soci[AVVISO dell'ATC Pianura Milanese per le nuove quote d'iscrizione.]13-02-2021
Scarica questo file (TabellaGiornateLavoro.pdf)Tabella giornate lavoro[ATC Pianura Milanese]13-02-2021

Chiarimenti dalla Questura per il rinnovo del Porto d'Armi uso caccia, non deve essere consegnato il porto d'armi ancora valido in fase di rinnovo.

|
Scritto da Super User
Categoria:

Con la Circolare 557/PAS/U/006338/10100.A(2) viene chiarito che durante la fase di richiesta di rinnovo della licenza di caccia non va restituito il porto d'armi uso caccia ancora in corso di validità ma e sufficiente una fotocopia, il vecchio libretto comunque va restituito quando si ritira il nuovo libretto, in allegato trovate la circolare ufficiale.

Porto armi

Allegati:
Scarica questo file (associazionismo-venatorio-questure.pdf)Circolare 557/PAS/U/006338/10100.A(2)[Circolare ufficiale]13-02-2021

Modifiche alla l.r. 26/1993 pubblicata sul Bollettino Ufficiale Supplemento n. 24 - Giovedì 11 giugno 2020.

|
Scritto da Super User
Categoria:

In allegato trovate l'Art. 8 (Modifiche alla l.r. 26/1993) pubblicato sul Bollettino Ufficiale Supplemento n. 24 - Giovedì 11 giugno 2020

ATTENZIONE NELLE SUDDETTE MODIFICHE TROVATE ANCHE LA SEGUENTE :

gilet caccia cinghiale arancio

d) il comma 7 bis dell’articolo 23 è sostituito dal seguente:

«7 bis. Nell’esercizio della caccia alla fauna stanziale e di selezione agli ungulati e nelle forme collettive della braccata, della girata e della battuta, è obbligatorio per tutti i partecipanti indossare giubbino con pettorale e dorsale di colori ad alta visibilità, nonché copricapo avente medesime caratteristiche.»;

Allegati:
Scarica questo file (Alta visibilità.pdf)Opuscolo alta visibilità[Ad opera della regione Lombardia]04-09-2020
Scarica questo file (modifiche-LR-26-DEL-1993-e-suc-mod-del-11-giugno-2020-Bollettino-Ufficiale.pdf)art 8 modifiche alla L.R. 26/93[Bollettino Ufficiale Supplemento n. 24 - Giovedì 11 giugno 2020.']31-08-2020

INTEGRAZIONI AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2020/2021 Città Metropolitana di Milano.

|
Scritto da Super User
Categoria:

DISPOSIZIONI INTEGRATTVE AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2O2O/2O21 PER IL TERRITORIO DI COMPETENZA DELL' U.O. SERVIZIO AGRICOLTURA, FORESTE, CACCIA E PESCA - CITTA, METROPOLITANA MILANO, POLITICHE DI DISTRETTO E IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE, INCLUSO NEI CONFINI AMMINISTRATIVI DELLA CITTA, METROPOLITANA DI MILANO.

ATC:

N.1 DELLA PIANURA MILANESE E

N. 2 DELLA COLLINA Dl SAN COLOMBANO

Allegati:
Scarica questo file (Integrazione al Calendario Venatorio 2020-2021 Città metropolitana di Milano.pdf)ALTEGATO 4[INTEGRAZIONI AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2020/2021 CITTA' METROPOLITANA DI MILANO:]27-08-2020