Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Federcaccia Nucleo di Magenta "Eligio Colombo"

Parere interpretativo circa le modalità di annotazione sul tesserino venatorio regionale degli abbattimenti di fauna selvatica migratoria ex art. 22, comma 7, legge regionale 16 agosto 1993, n. 23 e succ. mod. int.

|
Scritto da Super User
Categoria:
Di seguito riporto i chiarimenti a riguardo l'annotazione sul tesserino degli abbattimenti dell'avifauna migratoria del Consiglio Regionale della Lombardia.
 
In relazione alla richiesta di cui in oggetto, pervenuta con lettera in data 15.10.2018, si precisa quanto segue.
La legge 157/92, art. 12, comma 12bis prevede che “La fauna selvatica stanziale e migratoria abbattuta deve essere annotata sul tesserino venatorio di cui al comma 12 subito dopo l’abbattimento”.
La l. r. 26/93, art. 22, comma 7, non oggetto di alcuna impugnativa innanzi la Corte costituzionale, prevede che “I capi di selvaggina migratoria vanno annotati sul tesserino venatorio, in modo indelebile, sul posto di caccia, dopo gli abbattimenti accertati”.
Dalla lettura del combinato disposto della norma nazionale e di quella regionale, più di dettaglio, è possibile dedurre un orientamento di massima secondo il quale, nella specifica forma di caccia da appostamento alla sola migratoria, la locuzione “gli abbattimenti accertati” possa essere declinata nell’annotazione in contemporanea sul tesserino venatorio di più capi abbattuti, ovvero nel procedere ad annotazioni “cumulative” per più capi abbattuti, con ragionevole periodicità giornaliera, sempre beninteso sul posto di caccia.
 
Distinti saluti
Referente per l'istruttoria della pratica: MASSIMO MARRACCI
Allegati:
Scarica questo file (Lettera-Massardi segnare tesserino migratoria.pdf)Lettera originale del Consiglio Regionale[Regione Lombardia]09-11-2018

AVVISO: per recupero collari lepri abbattute

|
Scritto da Federcaccia nucleo di Magenta
Categoria:

Brescia 6 Agosto 2018

Egr. Presidenti,

in vista della prossima apertura della stagione venatoria 2018/19, vi chiediamo per cortesia, di divulgare tra i cacciatori il volantino di “pre-allerta” in allegato, per fare in modo che i cacciatori avvertiti dell’eventualità di abbattimento di una lepre dotata di radio-collare, possano recuperare il radio-collare stesso se possibile, o almeno i dati relativi al codice del collare e località dell’abbattimento per tracciare gli spostamenti effettuati dalla lepre abbattuta.

Vi chiediamo di darne la massima diffusione anche tramite le Sezioni Comunali, o altri soggetti da Voi ritenuti utili.

La presente mail sarà trasmessa anche agli UTR e agli Ambiti delle province interessate dal progetto Lepre.

Cordialmente

La segreteria regionale

Calendario venatorio riduttivo stagione 2019/2020.

|
Scritto da Super User
Categoria:

Il decreto n. 12844 dell’11 settembre 2019 avente ad oggetto “DETERMINAZIONI IN ORDINE AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE VENATORIA 2019/2020. RIDUZIONE, AI SENSI DELL’ART. 1, COMMA 7,DELLA L.R. 17/2004, DEL PRELIEVO DELLE SPECIE: ALLODOLA, COMBATTENTE,MORETTA, MORIGLIONE, PAVONCELLA, PERNICE BIANCA, QUAGLIA.”.

Il Decreto sarà pubblicato sul BURL di domani 13 settembre 2019.

 Le limitazioni di specie e carniere sono riportate qui di seguito.

- Allodola (Alauda arvensis):

• prelievo venatorio consentito dal 2 ottobre 2019 al 30 dicembre 2019;
• carniere massimo giornaliero e stagionale per cacciatore pari rispettivamente a 10 e 50 capi;
• gli abbattimenti fuori regione Lombardia, concorrono al carniere massimo stagionale di 50 capi consentito per cacciatore;


- Combattente (Philomachus pugnax):

• sospensione del prelievo venatorio;


- Moretta (Aythya fuligula):

• carniere stagionale massimo per cacciatore di 40 capi;


- Moriglione (Aythya ferina):

• prelievo venatorio dal 2 ottobre 2019 al 20 gennaio 2020;
• carniere massimo giornaliero e stagionale per cacciatore, pari rispettivamente a 2 e 10 capi;


- Pavoncella (Vanellus vanellus):

• prelievo venatorio dal 2 ottobre 2019 al 20 gennaio 2020;
• carniere massimo giornaliero e stagionale per cacciatore pari rispettivamente a 5 e 25 capi;


- Pernice Bianca (Lagopus muta helvetica):
 
• non saranno oggetto di prelievo le subpopolazioni in cui l’indice riproduttivo,
calcolato in base ai censimenti estivi, risulti inferiore a 1,25 giovani/adulto;
• il prelievo verrà fermato alla realizzazione dell’80% del piano;
• eventuali ulteriori limitazioni potranno essere disposte, entro il 20 settembre 2019, dal Dirigente competente della Direzione Generale Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi di Regione Lombardia, in base ai risultati dei censimenti estivi;

- Quaglia (Coturnix coturnix):
 
• carniere massimo giornaliero e stagionale per cacciatore, pari rispettivamente a 10 e 50 capi;
Allegati:
Scarica questo file (decreto 12844 del 11 settembre_calendario venatorio riduttivo 2019-2020-2.pdf)Calendario venatorio riduttivo stagione 2019/2020.[DECRETO N. 12844 ORIGINALE.]12-09-2019

Autorzzato dalla Regione Lombardia l'addestramento dei cani dal 04 maggio 2020 con l'ordinanza regionale n°539 del 3 maggio.

|
Scritto da Super User
Categoria:

"Di seguito l'estratto dell'ordinanza regionale n°539 del 3 maggio, inerente all'adestramento cani"

1.5 Addestramento di cani e cavalli

È consentita l’attività di allenamento e di addestramento di cani e cavalli in zone ed aree specificamente attrezzate, in forma individuale da parte dei proprietari degli animali assicurando il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Allegati:
Scarica questo file (Ordinanza-n°539-del-3-maggio-2020.pdf)ORDINANZA N. 539 Del 03/05/2020[Ordinanza integrale]04-05-2020

Disposizioni integrative al Calendario venatorio regionale 2019/2020 per il territorio incluso nei confini amministrativi della Provincia di Monza Brianza, ALLEGATO 3.B

|
Scritto da Super User
Categoria:

ALLEGATO 3.B
DISPOSIZIONI TNTEGRATTVE AL CALENDARIO VENATORTO REGIONALE 2O19/2O2O PER IL TERRITORIO INCLUSO NEI CONFINI AMMINISTRATIVI DELLA PROVINCIA DI MONZA BRIANZA ATC: BRIANTEO
Fatti salvi gli obblighi e i divieti previsti dalle norme vigenti, i periodi di caccia e i limiti di carniere per la fauna migratoria previsti dalla l.r. 17/2004 e gli eventuali ulteriori prowedimenti emanati dalla Regione, l'attività venatoria si svolge come di seguito riportato. Perquanto concerne le disposizioni inerentigli eventuali pianidi prelievo di specie stanziali, si rimanda agli specifici prowedimenti approvati con decreto del competente Dirigente dell'UTR. ln attuazione dell'art.51, c 6, della l.r. n.26/93 e successive modificazionie integrazioni, ilprelievo dicapidi fauna stanziale in violazíone della legislazione e della regolamentazione vigenti comporta, in aggiunta alle sanzioni amministrative pecuniarie previste dalla legge, il risarcimento economico del danno faunistico arrecato, nelle seguenti misure: 


a) € 100,00 per ogni fagiano e coniglio selvatico;
b) € 200,00 per ogni starna e pernice rossa;
c) € 500,00 per ogni lepre comune;
d) € 1.000,00 per ogni cinghiale;
e) € 3.000,00 per ogni capriolo.


Per 2019
2. ALLENAMENTO E ADDESTRAMENTO CANI L'attività di addestramento e allenamento dei cani, è consentita agli iscritti alI'ATC per la stagione venatoria 2019/2020, dal 17.08.2019 al 11.09.2019 nelle giornate di mercoledì, sabato e domenica, da un'ora prima del sorgere del sole, sino al tramonto.

Vigono inoltre le seguenti norme specifiche:

  • possono essere impiegati, ad esclusione delle mute da seguita, un massimo di 3 cani per singola persona e un massimo di 6 cani per gruppo di persone; 
  • possono essere impiegati, per le mute da seguita, un massimo di 4 cani per singola persona e un massimo di 6 cani per gruppo di persone.

L'allenamento e l'addestramento dei cani di età non superiore a 15 mesi, è consentito nel periodo sopra indicato e in quello coincidente con la stagione venatoria.

Dal 09.12.2019 al 30.01.2020, la caccia alla volpe è consentita con l'uso di non più di sei cani da tana (bassotti e terrier), in apposite squadre, composte ognuna da un massimo di dieci cacciatori, muniti di fucile da caccia ad anima liscia caricato con munizione spezzata, nominativamente individuati dal Comitato di gestione, i quali sono tenuti a comunicare, via PEC e almeno 24 ore prima della data di svolgimento della battuta, al comando del Corpo di Polizia provinc.iale, i nominativi dei cacciatoricomponenti la squadra, gli orari, le date e le località degli interventi. Questi ultimi, sono consentiti esclusivamente nei giorni di mercoledì e sabato, dal sorgere del sole fino alle ore 13.00, a esclusione deigiorni destinati alla cattura o all'immissione di fauna selvatica. Durante l'attività venatoria è vietato usare e detenere sul luogo di caccia, cartucce con pallini di diametro superiore a 4,2 mm, nonché cartucce a palla.

Allegati:
Scarica questo file (Integrazine al Calendario Ven. Monza Brianza.pdf)Calendario Venatorio integrativo 2019/2020.[Monza Brianza]04-08-2019