Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Federcaccia Nucleo di Magenta "Eligio Colombo"

News ed eventi

Data esame abilitazione caccia al cinghiale in forma collettiva.

|
Scritto da Federcaccia nucleo di Magenta
Categoria:

ATTENZIONE AVVISO PER ALLIEVI CACCIA AL CINGHIALE.

Si AVVISANO tutti gli aspiranti cacciatori del corso per l'abilitazione alla caccia al

cinghiale in forma collettiva tenutosi presso il nostro nucleo di Magenta:

 

Che il giorno 18-07-2017 si terranno gli esami presso la sede UTR Città Metropolitana di Milano (presso Regione Lombardia) con sede in Via Fabio Filzi, 22, per cui tutti i candidati sono invitati in tale data a presentarsi per le ore 08:30 presso il sudetto UTR Città Metropolitana di Milano per sostenere gli esami in oggetto che avranno inizio alle ore 09:00, si prega la massima puntualità.

Si ricorda di portare un documento di identità e una penna.

 

A tal fine si avvisa che il ripasso si terrà il giorno 11/07/2017 alle ore

20:30 presso la sede del Nucleo Federcaccia di Magenta.

 

AVVISO ESAMI DI TIRO

Gli esami di tiro si terranno il giorno 23/07/2017 alle ore 09:00, Presso il poligono T.A.V. CIELI APERTI Loc. Cascina Bettosca, s.n.
24055 Cologno al Serio (BG).

Se utilizzate un navigatore satellitare inserite:
"Via Casale - Cologno al Serio"

Modifiche Legge di Semplificazione 2017 legge regionale 26/93 e s.m.i.

|
Scritto da Super User
Categoria:

La legge regionale n. 15 del 26 maggio 2017 (Legge di semplificazione 2017) ha modificato la Legge
Regionale 26/93 e s.m.i. “Norme per la protezione della fauna selvatica e per la tutela del l’equilibrio
ambientale e disciplina dell’attività venatoria” che si invia in allegato nel testo aggiornato.
Si segnalano di seguito alcune modifiche di particolare rilevanza:


Esercizio della caccia in forma esclusiva (articolo 35 comma 2.1 della L.r. 26/93 e s.m.i)


Fermi restando il numero massimo consentito di giornate di caccia fissato dall’articolo 40, comma 13, e
il disposto circa l’esclusività della forma di caccia di cui al comma 1 del presente articolo, il cacciatore
che ha optato per una delle forme di caccia di cui alle lettere a) e c) dello stesso comma 1, a partire
della terza domenica di ottobre di ogni stagione venatoria, può disporre gratuitamente, sulla base dei
criteri approvati dalla Giunta regionale, di un pacchetto di dieci giornate fruibili in tutti gli ambiti
territoriali o nella zona di minor tutela dei comprensori alpini della Regione per la caccia alla selvaggina
migratoria, anche con l’uso di richiami vivi, esclusivamente da appostamento temporaneo,
raggiungibile con il fucile riposto nella custodia. La fruizione delle dieci giornate, che non deve superare
il tetto massimo del cinque per cento del numero complessivo dei cacciatori iscritti in quell’ambito
territoriale o comprensorio alpino, sulla base del numero degli ammessi dell’anno precedente
comunicato a Regione Lombardia, deve essere preventivamente autorizzata, facendone richiesta
scritta all’ambito territoriale o al comprensorio alpino nel comparto di minor tutela entro il 31 marzo di
ogni anno. L’autorizzazione, disposta entro il 31 maggio di ogni anno, è titolo per l’esercizio venatorio.
Per la stagione venatoria 2017/2018 il termine per la richiesta è fissato alla terza domenica di
settembre.”


Addestramento e allenamento dei cani (art. 40 comma 12 della L.r. 26/93 e s.m.i.)


“La regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio disciplinano l’allenamento e
l’addestramento dei cani nei trenta giorni antecedenti l’apertura della caccia e non oltre il giorno 08
dicembre, per tre giornate settimanali, con l’eccezione del martedì e del venerdì e della zona di
maggior tutela della zona alpi. Durante la stagione venatoria l’allenamento e addestramento dei cani
sono consentiti previa annotazione della giornata sul tesserino venatorio. Tali attività sono sempre
vietate nelle aree interessate da produzioni agricole di cui all’art. 37, comma 8, anche se prive di
tabellazione.”


Divieti (articolo 43 comma 1 gg bis)


“divieto di addestrare o allenare cani nelle zone di cui alle lettere b) e c) dell’art. 43 comma 1”


Sanzioni amministrative statali e regionali – Ritiro Tesserino (articolo 51 comma 1 bis – 1 ter)


“Si applica la sanzione amministrativa da euro 103,00 a euro 619,00 per chi addestra o allena cani nelle
zone di cui all’articolo 43, comma 1, lettere b) e c).
In caso di recidiva, la sanzione di cui al comma 1 bis è raddoppiata ed è disposto dalla Regione o dalla
Provincia di Sondrio per il relativo territorio, il ritiro del tesserino per un anno”.

ATTENZIONE SONO STATE APPORTATE ULTERIORI MODIFICHE ED AGGIORNAMENTI CON LEGGE REGIONALE 10 AGOSTO 2017, n. 22

Vai alle ulteriori informazioni 1

Allegati:
Scarica questo file (L.R.-26.93-aggiornata-10.08.2017.pdf) Legge regionale 26/93 e s.m.i.[Aggiornata ad agosto 2017]31-08-2017
Scarica questo file (RL_RLAOOAE07_2017_1879.pdf.p7m.pdf) Modifiche Legge di Semplificazione 2017 legge regionale 26/93 e s.m.i.[Lettera in originale]11-06-2017

Aggiornamento pagamento tassa caccia in conto corrente postale

|
Scritto da Federcaccia nucleo di Magenta
Categoria:

Caro Collega,

la lettera che abbiamo inviato in Regione per un più conveniente pagamento della tassa regionale ha avuto un parziale accoglimento. Anche perché la nostra proposta è stata poi fatta propria con grande sensibilità dal Consiglio regionale della Federcaccia e quindi il parziale beneficio si estende a tutti i cacciatori della regione.

Il pagamento della tassa regionale  si potrà effettuare non solo con bonifico bancario ma è stata ripristinata la possibilità  del versamento in conto corrente postale come negli scorsi anni.

Le indicazioni con tutte le opzioni di pagamento, sono riportate sul nuovo portale di Regione Lombardia alla sezione: SERVIZI E INFORMAZIONI - CITTADINI - PORTALE TRIBUTI - tassa sulle concessioni - pagamento - come pagare la tassa sulle concessioni regionali.

E' chiaro che resta in sospeso, e sarà da noi reiterata presso le autorità regionali, la richiesta di un invio a casa del tesserino venatorio a tutti i cacciatori che avranno versato la quota e inoltre l'allungamento dei tempi di consegna che come oggi sai oggi scadono al 31 marzo.

Abbiti un caro e affettuoso saluto.

 

Rodolfo Grassi                                                                                                  Alessandro Nova

 

PER LA TASSA REGIONALE SULLA CACCIA

  • mediante bonifico bancario: IBAN IT21C0306909790100000300046. Per i bonifici effettuati da banca estera, indicare il codice bic/swift BCITIMM. Se il sistema della propria della propria banca richiede ulteriori tre caratteri per l'identificazione della filiale, aggiungere XXX)
  • mediante versamento sul c/c postale n. 25789207 intestato a Regione Lombardia

Per l'esercizio venatorio - € 64,56
Causale versamento:"Tassa caccia - M1” - nome, cognome e codice fiscale del cacciatore".

Per l'appostamento fisso - € 55,78 (€ 27,89 dal compimento del 65° anno di età e per portatori di handicap fisico, come previsto dall'art. 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 e s.m.i.)
Causale versamento: "Tassa appostamento fisso - M1 - nome, cognome e codice fiscale del titolare"

 

>Vai al Portale della Regione Lombardia<

 

Allegati:
Scarica questo file (Come pagare la tassa sulle concessioni regionali.pdf)Come pagare la tassa sulle concessioni regionali[Istruzioni per concessione caccia e pesca]28-02-2017
Scarica questo file (Tariffario l.r. n. 10 del 2003.pdf)IMPORTI DI TARIFFA DELLE TASSE SULLE CONCESSIONI REGIONALI [Legge regionale n. 10 del 2003 ]28-02-2017

Processi verbali di accertamento di violazioni in materia di caccia e pesca - modifica spese 5,16

|
Scritto da Federcaccia nucleo di Magenta
Categoria:
 AVVISO IMPORTANTE ALLE GGVV
 
In allegato la comunicazione della Regione Lombardia nella quale viene indicato di cancellare dai verbali di accertamento di trasgressione le spese aggiuntive alla sanzione amministrativa di € 5,16 in quanto non più esigibili, in caso di  contestazione immediata.
Allegati:
Scarica questo file (RL_RLAOOAE07_2017_157.pdf.p7m.pdf)Comunicazione della Regione Lombardia[le spese aggiuntive alla sanzione amministrativa di € 5,16 non più esigibili]29-01-2017

Divieto di utilizzo per uso venatorio delle armi da fuoco per uso civile semiautomatiche somiglianti ad un’arma da fuoco automatica

|
Scritto da Super User
Categoria:

Tra i mezzi idoeni ad esercitare la caccia vengono escluse le armi da fuoco che appartengono alla categoria europea B7 (“Le armi da fuoco per uso civile semiautomatiche somiglianti ad un’arma da fuoco automatica”). Questo ha una doppia conseguenza: da un lato queste armi non potranno più essere utilizzate per la caccia, dall’altro andranno a ricadere sotto la qualifica “armi comuni” per le quali è previsto il limite di tre per la detenzione senza licenza di collezione.

LEGGE 17 aprile 2015, n. 43 ( Parte sulla modifiche in materia di armi)

Obbligo di denuncia dei caricatori ad alta capacità

|
Scritto da Super User
Categoria:

La denuncia dei caricatori La cosiddetta legge “antiterrorismo” prevede alcune modifiche al testo unico di pubblica sicurezza (Tulps). Fra queste la denuncia alle autorità di Pubblica Sicurezza anche dei caricatori delle armi lunghe che possono contenere più di cinque colpi, e di quelli per armi corte da più di 15, ovvero dei caricatori ad alta capacità. Chi ne possiede dovrà integrare la sua denuncia armi entro il 4 novembre 2015.